Meno di 30
I Viaggi di Robi

CONVERSAZIONI VIDEO 2016 - I vincitori


CONVERSAZIONI VIDEO 2016 - I vincitori
La giuria del Festival, composta da Orazio Carpenzano, Professore presso la Facolt di Architettura, Universit degli Studi di ROMA La Sapienza, Tommaso Casini, Professore di Museologia, storia della critica artistica e del restauro presso l'Universit IULM. Libera Universit di Lingue e Comunicazione di Milano, Claudia Conforti, Professore presso il Dipartimento di Ingegneria dellImpresa, Universit degli Studi di Roma Tor Vergata, Alfonso Giancotti, Presidente del Comitato Tecnico Scientifico della Casa dellArchitettura e professore presso la Facolt di Architettura, Universit degli Studi di ROMA La Sapienza, Antonella Greco, Presidente di Art Doc Festival e professore presso la Facolt di Architettura, Universit degli Studi di ROMA La Sapienza ha deciso di assegnare il riconoscimento a
"Picasso. The making of the icon" per aver saputo cogliere con efficacia espressiva la straordinaria capacit di Picasso di costruire una mitografia di se stesso, uomo e artista del secolo, trasformando limmagine vigorosa del suo corpo, lintensit magnetica del suo sguardo, il suo abbigliamento apparentemente casuale, in strumenti di una trionfale strategia artistica, culturale e commerciale. Sono inoltre state apprezzate loriginalit, la ricchezza e la variet del materiale di repertorio, in alcuni casi inedito o sconosciuto, sempre inserito con sapienza nella narrazione.

Il premio per il miglior documentario per la categoria ARTE va a: "I Make Art & Non Art," regia di Ileana Maria Zaza (produzione Ztlfilm), per la disinvolta ambiguit creativa che riesce a declinare con leggerezza la sperimentazione dei linguaggi multimediali, che ha caratterizzato la produzione creativa di Patella, soggetto del documentario, con la costruzione mediata di un autoritratto dartista, realizzato per interposto artista.

Il premio per il miglior documentario la categoria ARCHITETTURA vince
"The century of Le Corbusier", regia di Juliette Cazanave (produzione: Cinétévé), per la potenza didattica che, prescindendo dalla dimensione illustrativa delle idee innovative, delle utopie urbane e dei temi costruttivi davanguardia di Le Corbusier, che ricorrono nei documentari sul Maestro, ha saputo puntare uno sguardo nuovo sulla figura e lazione progettuale di un mito dellarchitettura del XX secolo, mettendo in campo un montaggio interpretativo capace di restituire il dirompente rapporto tra larchitetto e il suo tempo.

La giuria ha assegnato inoltre due menzioni speciali ai documentari "25BIS" (regia di Ila Beka e Louise Lemoine, prodotto da Beka & Partners) per aver saputo affidare il racconto di un capolavoro dellarchitettura moderna, qual il palazzo di rue Franklin 25bis di Auguste Perret, a fruitori feriali, come il portinaio, che diventa linterlocutore e linterprete privilegiato delledificio, dei suoi pregi e dei suoi limiti. Lintromissione critica di un non addetto ai lavori innesca un corto circuito illuminante tra la lettura alta e la fruizione quotidiana, tra la visione aulica delledificio e le angustie della scala di servizio e "1977 Analisi di un prototipo giovanile" (regia di Giovanna De Sanctis Ricciardone con Giuseppe Giannattasio, produzione Giovanna De Sanctis Ricciardone): il film un frammento di memoria individuale rievocato con leggerezza, senza nostalgia e senza rimpianto. Nella ricostruzione di una lontana esperienza didattica lautrice illustra le potenzialit infinite che si annidano negli individui, trasformando con sofisticata perizia grafica ed espressiva un indiano metropolitano di Roma est degli anni Settanta in un personaggio di Pisanello. Particolarmente efficace il colpo di scena finale, in cui la memoria si rovescia nel presente e la regista e letereo indiano di Pisanello si rispecchiano senza filtri accattivanti nel tempo attuale.

Lazienda Ceramiche Appia Nuova ha assegnato infine il premio speciale al film "Larchitetto di Urbino" (regia di Emanuele Piccardo, Produzione Plug_in) per aver saputo restituire il rapporto tra la citt di Urbino e larchitetto Giancarlo De Carlo, mostrando come la sua architettura abbia saputo integrarsi con rispetto nel paesaggio naturale e rilevando come opere importanti e di grande valenza istituzionale, come le facolt universitarie e i collegi studenteschi, abbiano valorizzato la citt anche in altri ambiti.

22/10/2016, 13:23