I Viaggi Di Roby

Bologna, Roma, Torino e Milano: "Lepanto
– Ultimo cangaceiro" esce al cinema


Bologna, Roma, Torino e Milano:
Un film sul Brasile ferito dai Grandi Eventi, una storia d’amore, un flusso cosciente d’immagini, volti e suoni, un discorso politico. In concorso all’ultimo Bergamo Film Meeting, arriva nelle sale, partendo da Bologna, Lepanto - Ultimo cangaceiro, il nuovo film doc di Enrico Masi e della casa di produzione Caucaso, primo capitolo della trilogia brasiliana. Giovedì 20 e 27 ottobre e il 3 novembre alle 19.00 sarà al Cinema Odeon (via Mascarella, 3), per continuare, quindi, la sua distribuzione indipendente a Roma, Milano e Torino.

La prima del 20 ottobre sarà introdotta dagli autori e dal critico cinematografico, saggista e giornalista Giorgio Gosetti. Le proiezioni saranno rese accessibili alle persone non udenti, con i sottotitoli, e non vedenti, attraverso una app dedicata.

Se The Golden Temple - altra produzione Caucaso, presentata al Festival di Venezia 2012 - mostrava l’impatto dei Giochi Olimpici su Londra, Lepanto ci porta tra le resistenze abitative di un Brasile che ha ospitato in pochi anni due grandi eventi, Mondiali e Olimpiadi, che hanno cambiato per sempre il volto del Paese più grande dell'America Latina. Le testimonianze si intrecciano con le vicende di Michael J. Wells, fotoreporter inglese che diventa voce narrante del film di Masi, documentario sospeso tra inchiesta e realismo magico.

Mike ha perduto la sua casa per i Giochi londinesi e vive un periodo di conflitto relazionale, mentre si allontana dalla compagna Maria. In una ricerca fotografica e visiva esaltata dalla pellicola 16mm, Lepanto – Ultimo cangaceiro mostra le sue anime diverse e interdipendenti. La Battaglia di Lepanto diventa allegoria di uno scontro tra il modello capitalistico e la resistenza civile. Nel suo percorso di “lotta contro l’uomo bianco, di qualsiasi colore egli sia”, Mike compirà la propria metamorfosi nella figura del cangaceiro, leggendario bandito rivoluzionario del misterioso nordest del paese, Robin Hood sudamericano alla ricerca di se stesso.

Lepanto è una produzione Caucaso, Aplysia e Nordeste, in collaborazione con Alma Mater Studiorum. La lavorazione ha portato a due anni di ricerca, scrittura, riprese e montaggio avvenuti tra Rio de Janeiro, Sao Paulo, Londra, Bologna e Ferrara. Sul finire del 2015, dopo un ulteriore viaggio del regista insieme alla troupe, prende forma il progetto della trilogia brasiliana, dove hanno trovato spazio i luoghi e i personaggi incontrati sui confini del villaggio olimpico. Ad approfondire il tema dei nuovi colonialismi e dell'impatto dei grandi eventi saranno gli altri capitoli della trilogia, ovvero “Historia do Futuro”, documentario site specific sull’impatto olimpico nella metropoli di Rio de Janeiro, che ha ottenuto il riconoscimento di Film di Interesse Culturale da MIBACT e il cortometraggio “Terra sem Males”, già presentato alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro e al Festival dei Diritti Umani di San Paolo, che affronta il tema dei nativi brasiliani in relazione allo stato federale. La trilogia completa sarà proiettata a Bologna all’interno di Arte Fiera 2017.

10/10/2016, 12:53