I viaggi di Roby
Cinema Aquila

LA REGOLA DEL PIOMBO - L'Horror Made in Italy


Premiato al Bright Minds Film Festival, il film di Giacomo Arrigoni racconta la storia di due solitudini in cerca di riscatto e riconoscimento


LA REGOLA DEL PIOMBO - L'Horror Made in Italy
"La Regola del Piombi" di Giacomo Arrigoni
"La regola del piombo", film diretto e prodotto da Giacomo Arrigoni, presentato al Bright Minds Film Festival, si aggiudicato il premio come Best Feature Film Awards. Attraverso la storia di una adolescente solitaria, ci imbattiamo in Humphrey, il fantasma di un assassino a cui viene offerta la possibilit di riscattarsi e abbandonare la terra. Dovr, con l'aiuto della ragazza, salvare due bambini che sono stati rapiti e maltrattati.

Due solitudini si conoscono e l'incontro ruvido e imprevedibile delle loro storie non pu che rendere meno invisibili le loro vite. Uno trover nell'altro un compagno sicuro e insieme cercheranno di smuovere la cittadinanza, denunciando l'atto criminoso.

La regola del piombo fa riferimento ai "bambini invisibili", quelle realt criminali che sfruttano i minori per furti e racket delle elemosine. Arrigoni racconta queste storie in modo quasi paradossale, mettendo in luce e quindi rendendo visibile questi due innocenti bambini e dipingendo invece la realt come inesistente a partire dalla ragazza, trasparente agli occhi di tutti, fino al fantasma.

Il luna park abbandonato o la vecchia villa dove ambientata la storia, danno un tono dark e gotico al film che non raggiunge mai il genere prettamente horror. "La regola del piombo" rimane sempre composto in ogni frame e rinuncia alla frenesia che di solito accompagna le scene di suspence e paura.

Arrigoni si cimenta invece in un film riflessivo e nostalgico, soprattutto grazie al personaggio di Humphrey. "Rimaniamo invisibili fin quando non compiamo un atto d'amore" il messaggio che il fantasma cerca di trasmettere alla ragazzina e ai genitori, saggezza dettata dal senso di colpa per l'atto compiuto, ma anche per il rimpianto della donna amata, ormai lontana.

02/03/2016, 10:48

Marta Leggio

Video del giorno