CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

BAFF XIV - Steve Della Casa, un programma ricco e per il pubblico


Steve Della Casa è, per il terzo anno, direttore artistico del Busto Arsizio Film Festival. Serata di apertura con Laura Morante, focus e incontro con il regista e giallista su Aldo Lado, un dialogo sul cinema con Pietrangelo Buttafuoco e una serie di iniziative sempre volte alla soddisfazione degli spettatori. Matilde Gioli madrina del Festival. Dal 12 marzo sette giorni di cinema dedicati non solo alle proiezioni


BAFF XIV - Steve Della Casa, un programma ricco e per il pubblico
Steve Della Casa, direttore del BAFF
Dal 12 al 19 marzo la XIV edizione del Festival; cinema e non solo. Tante iniziative oltre al cinema, sempre con un occhio al pubblico

“È un festival che mi piace perché è molto partecipato e al quale cerchiamo di dare un'offerta varia. Ci sono film in anteprima assoluta molto popolari, per esempio "On air: storia di un successo" di David Simon Mazzoli sulla storia dello Zoo di Radio 105 che sarà distribuito da Medusa. C'è l'omaggio a Dino Risi che comincia dal BAFF e si concluderà in dicembre con un evento al MOMA di New York, in cui verrà presentato il catalogo di retrospettiva di Dino Risi curato da me e pubblicato dal BAFF in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e Cinecittà-Luce. Un percorso quindi che ci porterà dall'altra parte dell'Oceano. Cerchiamo di offrire un po' di tutto per un pubblico con interessi diversi, tenendo presente che vogliamo fare un festival molto popolare e partecipato, ci interessa tutto quello che va in questa direzione”.

Puoi anticipare il nome di qualche ospite?

“Il programma è ancora in fase di definizione. Per la serata iniziale ci sarà una grande attrice e regista, Laura Morante, e un artista, Ugo Nespolo che presenterà un suo cortometraggio, una "glance". Nemmeno io sapevo cosa fosse, per scoprirlo venite al festival!
C'è l'omaggio ad Aldo Lado, un grande del cinema popolare, che ora si è messo anche a scrivere gialli, una cosa che piacerà molto. In un dibattito con il pubblico, moderato da Marco Giusti, presenteremo il suo film "La corta notte delle bambole di vetro" e l'antologia "Nuovi Delitti di Lago" (Morellini) che contiene un suo racconto. Ci saranno Andrea Purgatori e Piera De Tassis, inoltre avevamo avviato contatti con Umberto Eco che doveva tenere una masterclass e parlarci delle sue esperienze al cinema, come soggettista in "Quando le donne avevano la coda" e come attore e "La Notte" di Michelangelo Antonioni. Venerdì 18 marzo ci sarà un incontro con Pietrangelo Buttafuoco, grande polemista e scrittore, che verrà a parlare di cinema alla sua maniera, in un incontro molto interessante, affiancato da Elisabetta Sgarbi“.

Chi sarà la madrina?

“Matilde Gioli, la giovane attrice rivelazione de "Il Capitale Umano" di Paolo Virzì. È un'attrice che mi piace molto, finora ci siamo solo incrociati, sarà l'occasione per conoscerla meglio“.

Qual è la peculiarità del successo del cinema a Busto Arsizio?

“È una città molto attenta al cinema, c'è l'istituto di cinema Michelangelo Antonioni, che lavora molto bene, c'è una Film Commission ma soprattutto una rete di cineforum nelle sale cittadine che ha formato un pubblico appassionato molto curioso e molto attento. Si lavora molto bene anche con le scuole. Con le cariche istituzionali il rapporto è ottimo, sono persone colte e competenti di cinema, in particolare il sindaco Gigi Farioli che è un grande cinefilo. È un piacere proporre iniziative che vengono sempre recepite“.

02/03/2016, 09:09

Ambretta Sampietro