I Viaggi Di Roby

SUDESTIVAL XVII - In concorso il doc "Ritorno a Spoon River"


Il regista monopolitano Francesco Conversano in concorso.


SUDESTIVAL XVII - In concorso il doc
Una scena di "Ritorno a Spoon River"
Spazio anche al documentario nel Concorso del Sudestival 2016. Venerdì 4 marzo presso il Cinema Vittoria di Monopoli in programma la prima regionale alle ore 18 e 21, "Ritorno a Spoon River", intenso documentario della coppia di autori Nene Grignaffini e Francesco Conversano, originario di Monopoli. Il regista pugliese sarà presente in sala per presentare il nuovo lavoro nella sua città, insieme al musicista Gianni Lenoci e il montatore Stefano Barnaba.

Giovedì 3 marzo alle ore 18.30 presso l’Auditorium del Polo liceale di Monopoli è previsto un incontro per gli studenti e aperto alla città (ingresso libero) dal titolo “Che libro è stato l’Antologia di Spoon River? La testimonianza di un film a cent’anni dalla pubblicazione”. Interverranno il regista Francesco Conversano, il prof. Paolo Dilonardo, docente di Letteratura anglo – americana dell’Università degli studi di Bari e Michele Suma, che parlerà dell’adattamento del testo originale realizzato da Fabrizio De Andrè in “Non al denaro, non all’amore né al cielo”.

Nel 1915 viene pubblicata l’Antologia di "Spoon River" di Edgar Lee Masters, una raccolta di poesie che racconta la vita del midwest americano. Nel centenario della pubblicazione viene riproposto un viaggio appassionato nella Small Town America. Alcuni abitanti di quelle zone rileggono i passaggi dell’opera e fanno rivivere le atmosfere di quell’epoca e i sentimenti degli abitanti della provincia americana di allora.

Nuovo appuntamento anche per Sudestival in Corto, la rassegna di corti d’autore curata da Bachi da Setola. Questa settimana in programma "Cala Paura" di Gianluca Marinelli, opera completamente ambientata a Polignano a Mare. Realizzato in occasione della residenza artistica presso il Museo Pino Pascali, il video trae spunto dallo spiaggiamento di un capodoglio sulle coste della città. La storia è alimentata dai dialoghi con i pescatori di Cala Paura, con i quali il regista ha condiviso intere giornate di lavoro.

02/03/2016, 08:35