Sudestival 2020

ANIMELAND - I cartoni tra ricordi e manie


Una memoria sulla grande stagione dei cartoni giapponesi e un viaggio, diretto da Francesco Chiatante, attraverso le novit legate all'animazione


ANIMELAND - I cartoni tra ricordi e manie
Un'immagine di "Animeland" di Francesco Chiatante
Francesco Chiatante gira un amarcord tra cartoni e fumetti, quelli giapponesi che invasero il nostro paese nella seconda met degli anni 70 e che, grazie alla proliferazione delle tv private, entrarono nelle nostre case occupando i pomeriggi prima in esclusiva al monoscopio Rai. All'inizio fu la tv pubblica (Goldrake, Heidi...), ma a piccole dosi, quelle adatte all'educazione di una volta. Poi, dopo le locali, arrivarono anche le tv private nazionali che fecero il resto, aggiungendo un tocco di fantasia con le famose sigle e le traduzioni fantasiose e brillanti.

C qualcosa di diverso, rispetto ad altri cartoni tipo Disney o Marvel, in queste produzioni giapponesi per la tv e per la carta: c il coinvolgimento del pubblico a cui si riferiscono con i personaggi che sono sempre dei ragazzi e che offrono ampio spazio allidentificazione. E poi le storie, con perdenti e marginali che si ritrovano, sempre indipendenti dal mondo degli adulti, a compiere missioni affascinanti ed enormi come salvare il pianeta. S, forse sono questi i motivi del successo e della stratificazione nella memoria di una generazione (insieme alle sigle citate in precedenza...). Ma da qui a farne una filosofia di vita, ce ne corre.

In una ricca serie di interviste interessanti, Chiatante affronta la questione attraverso i ricordi di personaggi noti ed esperti del settore, da Paola Cortellesi, a Valerio Mastandrea, da Caparezza a Fausto Brizzi tutti infatuati dei cartoni giapponesi ed esaltati nel ricordare titoli, canzoni e personaggi ammirati nellinfanzia. Ma forse, pi dei cartoni, il ricordo della giovinezza che accende gli sguardi di chi ha coscienza che quella una bella stagione che non torner mai pi. Ma i cartoni ce la stanno rendendo sicuramente pi divertente da ricordare.

25/12/2015, 12:20

Stefano Amadio