Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

48 Hour Film Project: i vincitori della IX edizione


48 Hour Film Project: i vincitori della IX edizione
Si svolta al Teatro Italia di Roma la serata conclusiva di premiazione del 48 Hour Film Project, organizzata da Eva Basteiro-Bertol, Jessica Palmaccio e Manila Mazzarini dellassociazione culturale Le Bestevem nel weekend del 6/8 novembre. Una competizione mondiale che ha coinvolto i cinque continenti e centinaia di citt, quaranta quelle europee e Roma come unica tappa italiana. La sfida era quella di riuscire a realizzare il miglior cortometraggio...in sole 48 ore!

Ad aggiudicarsi il Premio Best Film of the City 2015, Alain Parrone con il suo Drudo Threeab. Il film garegger prossimamente contro i cortometraggi provenienti da tutto il mondo al Filmpalooza 2016 per concorrere al gran premio finale e alla possibilit di essere proiettato nella sezione Court Mtrage del Festival di Cannes 2016. La serata, i cui premi e scenografie sono stati curati e disegnati da Isabella Faggiano, ha contato anche dellintervento musicale di Eva Basteiro-Bertol e del musicista/compositore Andrea Moscianese.

RUFA Rome University of Fine Arts, main partner del contest, ha assegnato il Premio Speciale RUFA, un premio in denaro al vincitore per il miglior talento, a Dario Aita e Pierpaolo Spollon con PGR (team Juveniles Unsung). Una Menzione Speciale anche a Nick Russo per Buon Primo Maggio. A Oltre il Vetro stato assegnato il premio Studio Universal il Canale del grande cinema classico americano distribuito da Mediaset Premium sul DT che consiste nell'acquisizione dei diritti pay per la trasmissione TV. Il premio AIC (Associazione Italiana Autori della Fotografia Cinematografica), che iscriver come soci junior all'associazione i DOP vincitori, andato a Sandro Chessa per Skin (Cuccurucc).

La giuria, composta da artisti del calibro di Aitana Snchez-Gijn (Io non ho paura, The Machinist), Cristina Flutur (Beyond the Hills, vincitrice del premio alla miglior attrice a Cannes 2012), Vlad Ivanov (4 mesi, 3 settimane, 2 giorni, Palma d'Oro a Cannes nel 2007), il regista Sydney Sibilia, il produttore Matteo Rovere, la fotografia Gherghely Poarnok, il montatore Marco Spoletini, la sceneggiatrice Barbara Petronio, il costumista Mariano Tufano, il sound designer Robert J. Anderson, Leonardo Cruciano e Nicola Sganga di MAKINARIUM e Ian Anderson, leader dei Jethro Tull, ha inoltre decretato tutti gli altri vincitori del contest:

MIGLIOR USO DEL GENERE: Gli Indifferenti con The groom

MIGLIOR USO DEL PERSONAGGIO: Vince Hop! con Una

MIGLIOR USO DELLOGGETTO: Albratos con Rigor Mortis

MIGLIOR USO DELLA FRASE: Gmv Team con Oltre il vetro

PREMIO PUBBLICO: Clockwork (Look Inside) con La differenza

MIGLIORI COSTUMI (Giurato Mariano Tufano): Susanna Razzi per Babbo vs Natale (Mirelatives Pictures)

MIGLIOR SCENOGRAFIA (Giurati Nicola Sganga e Leonardo Cruciano): Samantha Giova per La notte della semina (Cinematografica-mente)

MIGLIOR SCENEGGIATURA (Giurata: Barbara Petronio): Claudia de Angelis e Armando Maria Trotta per Buon primo maggio (PEEWIT)

MIGLIOR MONTAGGIO (Giurato: Marco Spoletini): Giulia Floria Andorka per Puntuale (Me & Lady Cici)

MIGLIOR SUONO (Giurato: Robert J. Anderson): fonico Celeste Frontino e sound designer Alessandro Di Maio per Babbo vs Natale (Mirelatives Pictures)

MIGLIOR COLONNA SONORA (Giurato Ian Anderson): Andrea Camilletti per Casting Die-Rector e Giordano Maselli per Babbo vs Natale (Mirelatives Pictures)

MIGLIORE ATTRICE (Giurate Cristina Flutur e Aitana Snchez-Gijn): Giada Colafrancesco per Drudo (Threeab) e Veronica Balean per 66,11 (Foli)

MIGLIORE ATTORE (Giurato Vlad Ivanov): Gabriele Falsetta per 66,11 (Foli)

MIGLIORE FOTOGRAFIA (Giurato Gherghely Poarnok): Beatrice Baldacci per Drudo Threeab

MIGLIOR REGIA (Giurati Sydney Sibila e Matteo Rovere): Alain Parrone per Drudo - Threeab

01/12/2015, 17:43