Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

VENEZIA 72 - "Alfredo Bini, Ospite inatteso"


Un documentario biografico sull'uomo di cinema che produsse il debutto di Pier Paolo Pasolini. Una vita originale di un personaggio unico.


VENEZIA 72 -
Una scena del documentario su Alfredo Bini, produttore
Quando il personaggio c' ogni biografia funziona. E quella di Simone Isola, malgrado si percepisca qualche comprensibile sapore acerbo, del tutto godibile e riuscita.
Alfredo Bini era un produttore contro corrente, che non piaceva ai pi, sempre alla ricerca di nuovi talenti da lanciare e da proporre al mercato in alternativa all'onda cavalcata in quel momento.

Come l'inizio e lo sviluppo, anche la fine della vita di Bini fu decisamente curiosa e unica; finiti i soldi (tanti) guadagnati producendo decine di film, tra cui numerosi successi di critica e di botteghino, il produttore di Accattone si fermo a Montalto di Castro, sulla via Aurelia, chiedendo momentaneo asilo (gratuito) al gestore di un Motel. Ci rimase anni, fino alla morte, trovando l un mondo nuovo in cui ricercare la curiosit indispensabile per sopravvivere.

Isola traccia un profilo chiaro e mai troppo agiografico, mischiando cronaca e racconti personali di conoscenti, colleghi e amici a sei anni dalla scomparsa.

Un buon documentario, arricchito dalle immagini dell'Istituto Luce, che continua il lavoro sulla memoria storica, di fatti e personaggi, del grande cinema italiano.

09/09/2015, 17:52

Stefano Amadio