OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

Note di regia di "Bolgia Totale"


Note di regia di
Ho sempre avuto una passione viscerale per il noir, per la crime fiction, che non un genere. un colore, uno stato danimo, una sensazione. Il noir pi che indicare un genere specifico designa un tono generale, una serie di motivi, un insieme di sottogeneri.
E mi hanno sempre affascinato le storie di personaggi marginali, di perdenti, sconfitti, di persone che hanno fallito secondo gli standard della societ. Mi hanno sempre molto colpito e interessato i barlumi di umanit spesso paradossale che sono a volte nascosti in questo tipo di personaggi.
Da queste due passioni nato Bolgia totale.
la storia di due uomini che sostanzialmente cercano di sopravvivere. Questo era uno degli aspetti che pi mi interessavano: raccontare una storia di ordinaria sopravvivenza. Il poliziotto e il criminale, in questa storia, non agiscono per etica professionale, n per soldi o per motivi passionali: combattono contro le avversit della vita, e cercano solo di tirare avanti, di sfangare la giornata, di arrivare alla mattina successiva.
una storia volutamente semplice ed essenziale, quasi archetipica (nella speranza che, proprio per questo, sia universale e universalmente comprensibile), con toni che vanno dal tragicomico al picaresco al malinconico, e lintenzione, mentre scrivevo il film e poi lo giravo, era quella di rielaborare in modo personale tutto un immaginario filmico e letterario, quello appunto della crime fiction. Con una punta di genuina disperazione che spero resti impressa allo spettatore. Si trattava, nelle mie intenzioni, di prendere due tipici clich narrativi del genere (ovvero: la guardia e il ladro, lo sceriffo e il fuorilegge, il buono e il cattivo) e di rielaborarli in modo personale trasfigurandoli nella realt italiana di oggi, rendendoli credibili agli occhi di un potenziale pubblico di oggi. Ne sono usciti due personaggi profondamente complessi da mettere in scena, e proprio per questo affascinanti, che sono diventati il vero motore narrativo ed emotivo della storia.

Matteo Scifoni