Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

Tre serate di documentari a Grosseto con il Clorofilla


Tre serate di documentari a Grosseto con il Clorofilla
Clorofilla prosegue senza sosta e da domani, propone tre serate (martedì 1°, mercoledì 2 e martedì 8 settembre) che hanno a cuore temi sociali e di attualità al Cassero di Grosseto all'interno del progetto Muramonamour.

Il primo appuntamento è domani, martedì 1° settembre dalle 21.30, con una serata dedicata al tema "guerre e fughe": uno sguardo trasversale che tocca il conflitto in Siria, il dramma dei migranti che arrivano in Italia e un esodo "diverso" rappresentato dagli italiani che decidono di lasciare il nostro Paese. Tre documentari che hanno partecipato a festival importanti e che arrivano per la prima volta a Grosseto con Clorofilla, un festival "mignon" promosso da Legambiente, che non ama le strade facili, ma preferisce percorsi alternativi e d'impegno nella nostra cinematografia italiana.

Il primo documentario è "Young syrian lenses" di Ruben Lagattolla e Filippo Biagianti, presenti in sala insieme ad Amnesty International che ha patrocinato il loro importante lavoro. Nel maggio 2014 i due giovani filmakers sono entrati in Siria e hanno documentato la rischiosissima attività dei ragazzi che lavorano come fotografi e media activist ad Aleppo, sotto assedio da anni, e a testimoniare i tragici episodi che occorrono sotto il regime di Bashar al Assad.

Si parla di immigrazione nel secondo documentario alle 22.30: "Leviteaccanto" di Luciano Toriello, prodotto da Seminal film di Alessandro Piva. Siamo a Borgo Mezzanone, un piccolo centro di origine rurale perso nel grano del Tavoliere, terra dalla quale in passato molti sono emigrati e alla quale moltissimi stranieri oggi approdano, per caso o per scelta.

Si chiude con un'altra storia di "fughe", ma con motivazioni diverse. E' la storia di "Emergency Exit" di Brunella Filì (ore 23.30) dove si racconta di alcuni italiani che hanno lasciato l'Italia per trasferirsi all'estero e scommettere sull'opportunità di un futuro migliore. Un futuro che, restando in Italia, sembra difficile da immaginare.

Ma le proiezioni continuano anche mercoledì 2 settembre con "C'era una volta il prossimamente" di Fabio Micolano e "Per tutta la vita" di Susanna Nicchiarelli, evoluzioni sociali diverse parlando dei vecchi trailer e della legge sul divorzio. Martedì 8 settembre invece si parla delle vite ai margini di "Roma Termini" di Bartolomeo Pampaloni e de "I fantasmi di San Berillo" di Edoardo Morabito.

31/08/2015, 12:08