Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

I vincitori della sedicesima edizione di Malescorto


I vincitori della sedicesima edizione di Malescorto
Premio Miglior Corto di Animazione
"EIDEANN" di Alvaro Granados (SPAGNA)
Motivazione della giuria: un’animazione tecnicamente perfetta, riesce inoltre con simpatia a far sorridere durante tutta la narrazione.

Corto Vincitore del Premio “Film for Life”
"ACQUA IN BOCCA" di Franco Brega e Tullia Castagnidoli (ITALIA)
Motivazione della giuria: zampillante come acqua di sorgente, saggio come i proverbi che improntano e ritmano le sequenze di apertura, il lavoro dei ragazzi, ci conduce progressivamente alla questione cruciale del valore della risorsa idrica del Pianeta, ovvero alla necessità sempre più urgente di una sua gestione oculata e consapevole, priva di sprechi ed accessibile a tutti.

Premio del Pubblico Malescorto 2015 e Premio Speciale per il Miglior Contributo Artistico
“DUE PIEDI SINISTRI” di Isabella Salvetti (Italia)
Motivazione della giuria: opera realizzata con semplicità e allo stesso tempo geniale, riesce in pochi essenziali minuti a fare riflettere e contemporaneamente sorridere.

Premio Miglior corto realizzato dagli Istituti Scolastici
“APPESI AL MURO” di Fabio Leoni e Antonella Barbera (Italia)
Motivazione della giuria: gli autori sono riusciti con maestria a dirigere i ragazzi protagonisti, in una storia drammatica quanto avvincente. Il corto fa riflettere su problematiche troppo poco conosciute e che non andrebbero messe in secondo piano.

Premio Miglior Corto Sezione Ecologico (uomo e natura)
"ANIMAL PARK" di A.A. Spanò e F.E. Picciolo (ITALIA / CONGO)
Motivazione della giuria: il dualismo uomo-natura è compiutamente sviluppato attraverso una storia “estrema”, una verità scottante per il mondo della tutela e della gestione delle aree protette. Alternato nel contrappunto paesaggistico dei grandi spazi naturali del Virunga National Park e delle testimonianze in presa diretta delle popolazioni ivi presenti, il documentario centra l’obiettivo non solo di informare il pubblico, ma anche di interrogarlo.

Corto vincitore del premio "TRASMETTEREARCHITETTURA"
"HAVE SWEET DREAMS" di Luno e Ciprian Suhar (ROMANIA)
Motivazione della giuria: uno sguardo su una periferia che in un primo momento sembra priva d’identità, ma che poi si rivela ricca di poesia. Questo paesaggio, ai margini come il racconto, diventa il quinto protagonista del film.

Premio Miglior Corto di Finzione
“FOLEY ARTIST" di Toni Bestard (SPAGNA)
Motivazione della giuria: utilizzando i segreti di uno dei mestieri più curiosi del cinema, il rumorista, l’autore riesce a creare degli attimi suggestivi e di alta scuola cinematografica. Un lavoro davvero ben riuscito.

Premioi Miglior Corto Documentario
"ELENA ASINS. GENESIS." di Alvaro Gimenez Sarmiento (SPAGNA)
Motivazione della giuria: Un racconto affascinante, realizzato con professionalità, con i giusti ritmi, una notevole sensibilità. Tutto ciò non può che suscitare emozione.

03/08/2015, 15:05