Festival del Cinema Citt di Spello
I Viaggi Di Roby

Nick Mancuso al Film Studio per la proiezione
di BOMB! BURNING FANTASY


Nick Mancuso al Film Studio per la proiezione di BOMB! BURNING FANTASY
Luned 4 maggio, nello storico spazio romano di Film Studio, sar proiettato Bomb! Burning Fantasy (Italia 2014, durata 68', ScarFord Produzioni), docufilm di Matteo Scarf dedicato alla vita di Gregory Corso, il grande poeta della Beat Generation morto a Roma nel 2001: un personaggio dalla vita travagliata, difficile e contrastata, eppure illuminata, nel buio profondo in cui spesso caduto, dalla luce della sua poesia.

A ricevere il pubblico con il giovanissimo regista ci sar Nick Mancuso (protagonista di successi come Ticket to Heaven e Trappola in alto mare, ora in Italia per girare The Lemon Grove di Dale Hildebrand). L'attore italo-americano, infatti, interpreta il ruolo di Gregory Corso, e firma anche la sceneggiatura del film insieme a Matteo e Giovanni Scarf.

Ray Abruzzo (Dynasty, The Practice, I Soprano, Boston Legal) nel ruolo del narratore, John Savage nel ruolo di se stesso, e Elisabetta Pozzi, nel ruolo chiave di Percy B. Shelley, completano un cast davvero straordinario, perfettamente incastonato in un esperimento visivo ed emotivo che mescola stili e linguaggi, con il contributo di scenografie digitali e animazione 3D a cura di Roberto Stranges, e accompagnato dal progressive rock dei Nimby, giovane band calabrese.

Fare un docufilm su Gregory Corso - dichiara il regista - significa da una parte parlare di un personaggio 'profetico', dallaltra di un uomo terreno che ha vissuto i suoi molti travagli interiori e materiali con grande onest intellettuale. Corso sempre imprevedibile, impossibile da classificare: fantasia in fiamme. Anche per questo, Bomb!, che prende il titolo da una delle sue opere pi famose, non un biopic nel senso classico del termine, non segue una narrazione cronologica, ma si propone di rappresentare le suggestioni emotive di uno sguardo visionario capace di tradurre il suo mondo in parole di Poesia."

Matteo Scarf (28 anni) ha lavorato negli Usa con Nick Mancuso, John Savage e Steven Bauer, ed in Italia ha realizzato diversi videoclip, due corti (Omega e Fantascienza in pillole) e un docufilm, "Anna, Teresa e le resistenti" (ICFF Italian Contemporary Film Festival di Toronto e Menzione Speciale al Festival Internazionale del Cinema di Salerno). In questi mesi sta preparando la lavorazione del suo primo lungometraggio di finzione: Lultimo sole della notte, ispirato allopera di James Ballard.


Emanuela Mascherini

23/04/2015, 10:57