FilmdiPeso - Short Film Festival

LA BUCA - Tanti interessi e un'amicizia forzata


In sala da gioved 25, il nuovo film di Daniele Cipr una favola dalle tematiche moderne e dall'ambientazione antica. Una commedia che prova a far riflettere su troppi argomenti senza riuscire a essere divertente. Con Rocco Papaleo, Sergio Castellitto e Valeria Bruni Tedeschi stato prodotto da Imago film con il contributo del Mibac e della Regione Lazio


LA BUCA - Tanti interessi e un'amicizia forzata
Rocco Papaleo e Sergio Castellitto in "La Buca"
Ci si aspetta molto dal film di Daniele Cipr. Ma si rimane delusi dal dover appurare che quello che faceva ridere, nella famosa coppia di Cinico Tv e di un decennio di film a quattro mani, era Franco Maresco.

"La Buca" , per dirla con le parole dell'autore, un viaggio che parte da sensazioni e fantasia ma che purtroppo dimostra una serie di limiti mettendo troppa carne al fuoco senza bilanciare le dosi e i sapori.
La sceneggiatrice Alessandra Acciai parla, in conferenza stampa, di riunioni di sceneggiatura, di sedute creative per decidere i caratteri e i percorsi della storia. Ma poi, dopo la divertente riunione creativa, la sceneggiatura bisogna scriverla; carta e penna, o computer, ed l che nasce il film, non con le chiacchiere.
E infatti la storia veramente scarna e spesso non troppo originale, i personaggi sono disegnati su clich, e i collegamenti o le sottotrame risultano del tutto assenti mentre poco chiara la decisione di ambientare il film in un tempo indefinibile e in un luogo imprecisato.

La direzione degli attori sembra poco approfondita e, mentre Rocco Papaleo se la cava con una quasi assenza di espressioni e movimenti, Sergio Castellitto deborda con mossette, ammiccamenti e scatti, sicuramente molto divertenti per lui che le ha fatte, meno per chi guarda. Dalla prima inquadratura, con una smorfia in primo piano, l'attore mette il timbro sulla direzione che la sua interpretazione prender. Valeria Bruni Tedeschi contenuta e apprezzabile quanto irrilevante (ma non colpa sua) mentre le diverse apparizioni di attori meno noti o non professionisti sono solo un lontano ricordo dei personaggi presi in strada per cinico tv e non solo.

Bella la fotografia curata dallo stesso Cipr che conferma le sue doti tecniche nel confezionamento delle immagini come fossero dipinti. Ma la regia un'altra cosa e "La Buca" ha tutte le caratteristiche per farcelo comprendere

18/09/2014, 19:05

Stefano Amadio