TersiteFilm
!Xš‚‰

VENEZIA 71 - Alle Giornate degli Autori è l'ora dell'Italia


VENEZIA 71 - Alle Giornate degli Autori è l'ora dell'Italia
Le Giornate parlano italiano domani, giovedì 4 settembre (ore 16.45, Sala Perla), con il film "I nostri Ragazzi" di Ivano De Matteo che porta alle Giornate la “peggio gioventù” della borghesia romana, attraverso la storia di Massimo e Paolo, due fratelli opposti nel carattere come nelle scelte di vita - interpretati da Alessandro Gassmann e luigi Lo Cascio - che, accompagnati da le loro mogli eternamente ostili, s'incontrano una volta al mese in un ristorante di lusso per rispettare una tradizione. Fino a quando un fatto grave che riguarda i figli manda in frantumi il loro equilibrio.

"Sono sempre stato affascinato dalle famiglie intese come riproduzioni in miniatura della società che le circonda. Io vengo da una di queste - spiega il regista - una famiglia numerosa che mi ha sedotto con le sue grandi contraddizioni. Con La bella gente e poi con Gli equilibristi, ho voluto indagare su ciò che accade quando un elemento esterno incrina la vita tranquilla" - prosegue De Matteo - "e sicura di un normalissimo e almeno apparentemente nucleo felice. Con I nostri ragazzi invece volevo andare oltre, tentare di mostrare cosa accade quando l'esplosione parte direttamente dal nucleo stesso".

Ma il nuovo cinema italiano sarà ospite delle Giornate anche nei prossimi giorni con il film "Patria" di Felice Farina (venerdì 5 settembre, ore 17, in Sala Perla), la controstoria degli ultimi che offre uno spaccato del nostro Paese attraverso gli occhi di tre “nobili miserabili”.

Tra gli eventi speciali dell’ottava giornata di festival, alle 16.30, allo Spazio Incontri Venice Film Market (Hotel Excelsior), si terrà l’incontro "Cinecittà Mon Amour - Gli Autori per il rilancio di un bene pubblico europeo" promosso da Anac in collaborazione con le Giornate degli Autori. Il panel, moderato dal giornalista Richard Heuzé (Le Figaro), parlerà del futuro di Cinecittà: dopo 17 anni di gestione privata gli autori italiani si chiedono come restituirle centralità nella produzione e rilanciarla come Polo europeo per una nuova cinematografia. Modera: Richard Heuzé (Le Figaro). Sono previsti gli interventi di: Nicola Borrelli (MiBACT), Roberto Cicutto (ILC), Luigi Abete (Cinecittà Studios), Massimo Corridori (RSU di CS), Enzo De Camillis (Scenografo), sotto forma di intervista da parte di Richard Heuzè, corrispondente di Le figaro. Introduce Silvia Scola (vice-presidente Anac). Modera Francesco Ranieri Martinotti

03/09/2014, 16:11