TersiteFilm
!Xš‚‰

VENEZIA 71 - Alle Giornate degli Autori,
la vita e la morte in Israele


VENEZIA 71 - Alle Giornate degli Autori, la vita e la morte in Israele
Proseguono nel segno dello scandalo le Giornate degli Autori, domani venerdì 29 alle ore 17 (Sala Perla), con l’israeliano "The Farewell Party" - letteralmente la festa di addio - dei pluripremiati Tal Granit e Sharon Maymon. Il film, candidato come miglior film agli Ophir Awards 2014 (i David di Donatello israeliani) e tratto dalla sceneggiatura di My Sweet Euthanasia, vincitore del Best Pitch Award alla Berlinale, è una commedia irriverente sul tema dell’eutanasia, dove un gruppo di amici in una casa di riposo di Gerusalemme costruisce una macchina per l'eutanasia per aiutare un amico malato terminale. Quando comincia a spargersi la voce sull'esistenza di questa macchina, sempre più persone iniziano a cercare il loro aiuto mettendo in difficoltà gli arzilli nonnini. "The Farewell Party fa i conti con la separazione che sia separarsi da chi si ama, separarsi dalla vita e il diritto di scegliere come concluderla" - spiegano i due registi - "nel nostro processo di separazione da una persona cara, abbiamo scoperto che quando il corpo comincia ad abbandonarci, ma la mente rimane lucida, l'auto-ironia e lo humor restano il modo migliore per fare i conti con l'idea della morte".

Anche quest’anno la selezione delle Giornate si conferma all’insegna delle grandi provocazioni, oltre a "The Farewell Party" ne sono esempio: "The Smell of Us", il nuovo ritratto generazionale firmato Larry Clark, "I nostri ragazzi" di Ivano De Matteo, su come i segreti di due famiglie possano stravolgerne le esistenze e il francese Les Nuits d’ètè di Mario Fanfani, storia di travestitismo nella Francia di provincia degli anni 50. Questi film, insieme agli altri titoli della selezione ufficiale, concorrono alla prima edizione del premio “Venice Days Award” che consiste in un premio in denaro (20.000 euro) ed un’opera in vetro soffiato offerta e creata dalla vetreria artistica Seguso di Murano. A decretare il vincitore del Venice Days Award sarà una giuria composta dai 28 giovani partecipanti al campus di "28 Volte Cinema", presieduta dal regista argentino Diego Lerman.

Tra gli eventi collaterali della terza giornata si terranno i primi due incontri del progetto Miu Miu Women’s Tales: alle ore 11.30, Sala Tropicana 1 - Fondazione Ente dello Spettacolo, l’incontro Questioni personali: la politica della cinematografia femminile alla presenza delle registe Miranda July e So Yong Kim. Alle ore 15.30, sempre alla Sala Tropicana 1, la produttrice Dede Gardner e le attrici Felicity Jones e Kate Mara parleranno di donne e ruoli di potere nell’incontro "Donne Leader: il loro ruolo nel cinema e nella Tv". Entrambi gli incontri saranno moderati dalla giornalista Penny Martin.

Alle ore 14, la Villa degli Autori ospiterà l’incontro "Cambia Canale", dove autori e produttori di cinema e televisione presenteranno la loro proposta per una nuova Rai, motore dello sviluppo della industria creativa italiana. Interverranno i presidenti di 100autori, Anac, Anica, Apt, Agpci, Doc/it, Art, Agpi, Pmi cinema e audiovisivo, a moderare Piero De Chiara.

28/08/2014, 13:38