Sudestival 2020

Note di regia de "Il Mondo fino in Fondo"


Note di regia de
Ci sono luoghi che chiamano a s in modo strano e irrituale. Ti mettono nel mirino e con il loro fascino, svuotano lentamente ogni resistenza allabbandono. Temo che a me e agli attori sia successo qualcosa di molto simile con la Patagonia cilena, uno dei pochi territori di frontiera ancor oggi esistenti.
Insieme alla sceneggiatrice, siamo partiti con lobiettivo di raccontare i sentimenti e le passioni familiari in un paesino del nord Italia, un non-luogo chiamato Agro. Protagonisti sono i due fratelli Piovano, un diciottenne dallo sguardo vivo e dolente e un giovane industriale di provincia. Vivono confinati in un territorio saldamente impermeabile, con abitanti sempre pi attenti a evitare qualsivoglia eccesso e adulti sospettosi di ogni impulsivit, ogni diversit, soprattutto sessuale.
Volevamo costruire una commedia e la cronaca ci metteva sotto gli occhi varie suggestioni: in casa si celebrava il calcio e lanno magico dellInter con il suo triplete mentre in tutt'altra parte del mondo si tifava per la Conferenza sul clima di Copenaghen e, a un'altra latitudine ancora, Camila Vallejo, una giovane studentessa cilena muoveva unintera generazione alla ribellione finendo sulla copertina del Times.
Il legame di questi episodi con i nostri protagonisti era suggestivo ma era anche probabile che la Patagonia ci stesse lanciando sotto traccia i suoi incantesimi. Ci suggeriva di mandare i due fratelli in fuga, ci mostrava il divertimento di dirigerli in un luogo sperduto dove, come nella migliore tradizione del road movie, avevano la possibilit di nutrirsi di grandi illusioni e aspirare a grandi imprese.
Se cambi la tua vita forse a qualcun altro verr voglia di cambiare la sua viene detto nel film al diciottenne Davide ed grazie al suo istinto feroce, quasi fisico, che riuscir a dare una direzione avventurosa al futuro, cambiando non solo la sua vita ma anche quella di suo fratello.

Alessandro Lunardelli