-D30
I Viaggi di Robi

"Ciò Che Mi Nutre Mi Distrugge" in 7 città per
la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla


La Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla del 15 marzo nasce tre anni fa in memoria di Giulia, figlia di Stefano Tavilla che ne è promotore e Presidente dell’Associazione Mi Nutro di Vita di Genova. Quest’anno il 15 marzo si terranno vari eventi di sensibilizzazione e informazione sul tema dei Disturbi del Comportamento Alimentare organizzati in tutta Italia dalle 18 Associazioni
che aderiscono alla [email protected]: Consulta Nazionale delle Associazioni di Volontariato dedicate al tema dei Disturbi del Comportamento Alimentare (www.consultanoi.it).

In quest’ambito, il film-documentario "Ciò Che Mi Nutre Mi Distrugge" verrà proiettato contemporaneamente in 7 città:
- ROMA: Casa del Cinema (Largo Marcello Mastroianni,1 - Villa Borghese) - ore 11.00 AM. Gli autori saranno presenti alla proiezione insieme ai medici e pazienti protagonisti del film e a Fabio Mancini, commissioning editor di Doc3 (RaiTre).
- MILANO: Spazio Oberdan (V.le Vittorio Veneto, 2), nell'ambito del Festival Sguardi Altrove - ore 18:15. Gli autori saranno presenti alla proiezione.
- GENOVA: Teatro Carignano (Viale Villa Glori, 8) - ore 15:00. Interviene l'On. Michela Marzano.
- CAGLIARI: Exmà - Centro Comunale d’Arte e Cultura (Via San Lucifero, 71) - ore 17:00.
- PORDENONE: Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone sala Ridotto - ore 15:00.
- CESENA: Sede dell’associazione Volo Oltre ONLUS (Via Serraglio, 18) - ore 18:00.
- CARRARA: Via Carriona, 42 (Ex Mulino Forti - Associazione A. D. A) - ore 10:30.

Nel film si raccontano, esclusivamente attraverso riprese effettuate durante gli incontri di psicoterapia, le storie di 4 pazienti seguite nell’arco di un anno, presso il Centro per i Disturbi Alimentari della ASL ROMA E. Questo film unico, è stato possibile grazie al sostegno dei medici, dei familiari e dei pazienti che hanno creduto nel progetto condividendone le scelte, i modi, le intenzione e le finalità. Il privilegio di poter ascoltare quanto si dice, o non si riesce a dire, durante le sedute è occasione per far luce su un tema altrimenti molto difficile da mostrare nella sua reale essenza. Vediamo le persone cambiare, crollare, sperare di nuovo, curare e curarsi.

11/03/2014, 17:53