I Viaggi Di Roby

A Torino la quinta Rassegna del Cinema Laico


A Torino la quinta Rassegna del Cinema Laico
Organizzata dalla Consulta Torinese per la Laicità delle Istituzioni, in collaborazione con ARCI Comitato di Torino e UCCA Unione Circoli Cinematografici ARCI, torna la Rassegna Biennale del Cinema Laico, che intende proporre al pubblico torinese - attraverso il linguaggio estetico e gli stimoli culturali dell'arte cinematografica - una riflessione sul metodo della laicità e sull'etica laica di fronte agli interrogativi ed alle sfide individuali e collettive che il mondo contemporaneo pone.

I film in programmazione, nel periodo da marzo a maggio 2014, affrontano alcuni significativi temi della società odierna, sempre più multiculturale, multietnica e multireligiosa.

Ne emergono nel complesso, attraverso situazioni esistenziali e vicende differenti, taluni degli aspetti di un'etica laica, per definizione non dogmatica, né assolutista, di libertà e di tolleranza positiva, di rispetto e di confronto fra eguali e diversi, nella prospettiva - che gli organizzatori della Rassegna vivamente auspicano - di una più civile convivenza tra individui e tra gruppi nella comunità umana.

IL PROGRAMMA

Lunedì 3 marzo 2014
ore 18
Innaugurazione della rassegna
“Bella addormentata”
di Marco Bellocchio (Italia 2012)
Sulla drammatica e commovente vicenda di Eluana Englaro, di cui vengono raccontati gli ultimi sei giorni di vita, dopo il suo trasferimento a Udine, reso possibile dalla sentenza del tribunale che la autorizzava a vedere realizzate, dopo 16 lunghissimi anni di “non vita”, la propria libera volontà di essere “lasciata andare”. Tra contrapposte manifestazioni e vicende narrative di chi la vuole obbligare a “vivere” come un vegetale contro la sua volontà e di chi si batte per il suo diritto all’autodeterminazione rispetto alla fi ne della propria esistenza.

ore 20
Dibattito sul testamento biologico e sull’eutanasia
Introduce e conduce:
Tullio Monti, Coordinatore della Consulta Torinese per la Laicità delle Istituzioni
Partecipano:
Marco Bellocchio, regista
Beppino Englaro, padre di Eluana e Presidente Associazione Per Eluana
Emilio Coveri, Presidente Exit Italia

Lunedì 10 marzo 2014
ore 18
“Miele”
di Valeria Golino (Italia 2013)
Opera prima di Valeria Golino sul tema dell’eutanasia, che narra la storia di Irene (Miele), una trentenne romana che aiuta a morire le persone gravemente soff erenti, praticando clandestinamente il suicidio assistito.
Miele non agisce, però, solo per motivi umanitari, ma anche a fi ni di lucro: infatti, si fa pagare le proprie prestazioni: ma l’affettuosa amicizia che nasce con un ex ingegnere, anziano e depresso, che vorrebbe ugualmente essere aiutato a suicidarsi, finirà per mettere in discussione le convinzioni etiche della protagonista, inducendola a operare una sorta di metamorfosi esistenziale che la porterà a non praticare più l’eutanasia.

Venerdì 21 marzo 2014
ore 18
“Mea maxima culpa – silenzio nella casa di Dio”
di Alex Gibney (USA 2013)
Documentario sulla pedofi lia del clero cattolico americano, tragica vicenda che ha scosso fi no alle fondamenta e fatto tremare la credibilità della Chiesa cattolica americana, del Vaticano e degli ultimi papi, che hanno per decenni sistematicamente coperto con i propri complici silenzi le migliaia di gravissimi casi di reati di pedofi lia perpetrati in tutto il mondo da preti e vescovi cattolici. Il fi lm, dando voce alle vittime, documenta le incredibili vicende di padre Lawrence Murphy, che a Milwaukee ha abusato sessualmente di circa 200 bambini audiolesi, senza mai doverne rispondere a nessuno.

Lunedì 24 marzo 2014
ore 18
“Oltre le colline”
di Cristian Mungiu (Romania 2012),
La disperata battaglia per la propria libertà e dignità personale di una ragazza lesbica in un convento ortodosso in Romania, luogo di torture, di soprusi e di sevizie nei suoi confronti da parte del prete ortodosso a capo del convento e delle suore che in esso vivono, i quali la segregano e la esorcizzano, ritenendola posseduta dal demonio. Ispirato ad una vicenda vera.

Lunedì 31 marzo 2014
ore 18
“Un giorno devi andare”
di Giorgio Diritti (Italia/Francia 2013)
Sul rapporto fra fede e laicismo, nel Brasile delle favelas di Manaus e delle missionarie che vogliono convertire ed evangelizzare gli indios a colpi di preghiere e di bambinelli luminescenti. La protagonista italiana, in fuga in Brasile dal dolore della propria vita distrutta in patria, è sorda al richiamo di qualsiasi dio, refrattaria alla condotta missionaria e sceglie laicamente di “essere terra” dedicandosi alla vita degli indios e ritrovando, alla fine, in quei luoghi lontani il senso della propria esistenza.

Lunedì 7 aprile 2014
ore 18
“I baci mai dati”
di Roberta Torre (Italia 2010)
Sul “miracolo”, nella Catania contemporanea, di una ragazzina di 13 anni che “vede” una statua della Madonna parlare, con scene di devozione pagana da parte degli abitanti del luogo e di avida cupidigia di arricchimento da parte della sgangherata famiglia della ragazza. Ma proprio quando la giovane “santona”, disgustata dalla propria nuova vita, decide di andarsene di casa, il vero miracolo si compie.

Lunedì 14 aprile 2014
ore 18
“The Sessions” (Gli incontri)
di Ben Lewin (USA 2013)
Sulla vicenda di un giovane uomo paralizzato dalla poliomielite che scopre la sessualità ricorrendo ai servizi di una “terapista-assistente” sessuale specializzata.
Questo tema è al centro del dibattito politico e culturale in alcuni paesi europei, che già hanno regolamentato tale attività professionale, che è cosa ben diversa dalla prostituzione e che è essenziale per il diritto a vivere una propria sessualità da parte delle persone gravemente disabili. Tale battaglia inizia a essere portata avanti anche in Italia.

ore 19,45
Dibattito su “Diritto alla sessualità e disabilità”
Introduce e conduce:
Ugo Zamburru, Presidente di ARCI Torino
Partecipano:
Alessandro Frezzato, membro Consiglio Generale Associazione Luca Coscioni
Enzo Cucco, Presidente nazionale Associazione Certi Diritti
Angelica Alessandri, sessuologa, ginecologa e psicoterapeuta

Lunedì 28 aprile 2014
ore 18
“The tree of life”
di Terence Malik (USA 2011)
L’evoluzione familiare di Jack, ragazzo del Texas profondo, alle prese con un padre rigidamente cristiano, che lo educa duramente, con violenza e brutalità, in contrasto anche con la madre amorevole. Da adolescente Jack rinnega l’esistenza di Dio, arrivando ad odiare il padre e da adulto smarrisce se stesso e il signi ficato della propria vita. Il fi lm si chiude con una toccante visione onirica, tipica del regista.

Lunedì 5 maggio 2014
ore 18
“Laicitè, inch’Allah”
di Nadia El Fani (Francia/Tunisia 2011)
La vicenda della “Primavera” tunisina, con l’aspirazione del popolo tunisino e in particolare delle donne alla libertà e alla democrazia, tra la Tunisia laica e colta che rivendica la laicità dello Stato e i fondamentalisti islamici sala ti che pretendono, forti della propria ignoranza e del proprio fanatismo religioso, di imporre per legge e a tutti i cittadini tunisini l’islamizzazione costituzionale dello Stato.
(Sottotitolatura a cura dell'UAAR)

Lunedì 12 maggio 2014
ore 18
“Donne senza uomini”
di Shirin Neshat (Francia/Iran 2009)
Sulla lotta delle donne iraniane per l’emancipazione femminile e per la libertà e la democrazia nel loro paese, quando, nel 1953, il Primo Ministro democraticamente eletto, Mohammad Mossadeq, venne rovesciato da un golpe della CIA, orchestrato dagli USA e dalla Gran Bretagna, insoff erenti rispetto alla nazionalizzazione delle imprese petrolifere straniere in Iran, attuata dal governo di Mossadeq. Un fi lm di bruciante attualità per l’Iran di oggi.

ore 19,35
Dibattito sulla situazione dei diritti umani e delle donne in Iran
Introduce e conduce:
Maria Luisa Brizio, Arci Torino e componente Giunta Esecutiva della Consulta Torinese per la Laicità delle Istituzioni
Partecipano:
Loredana Bi ffo, giornalista
Yoosef Lesani, profugo iraniano, Vicepresidente dell’Associazione Iran Libero e Democratico
Farideh Bogozorgad, profuga iraniana, Associazione Iran Libero e Democratico

26/02/2014, 12:30