I Viaggi Di Roby

WHAT IS LEFT? Hofer e Ragazzi alla ricerca della "sinistra"


I due registi raccontano la terza parte della loro trilogia sull'Italia di oggi. Un quiz show per capire cosa oggi è di sinistra e cosa non lo è più.


WHAT IS LEFT? Hofer e Ragazzi alla ricerca della
"What is Left?" la locandiina del doc di Hofer e Ragazzi
Norberto Bobbio nel 1994 scriveva "destra e sinistra", identificando la destra con la tendenza alla disuguaglianza, e al conservatorismo, e la sinistra con l'uguaglianza e la trasformazione. In un mondo in cui la globalizzazione ha invece scomposto e destrutturato gli spazi storici delle ideologie, che non sono ormai più facilmente identificabili in quella classica tra capitalismo e comunismo, cosa significa essere di sinistra?
Questo si chiedono i registi Luca Ragazzi e Gustavo Hofer nel documentario "What is left?", “La terza parte di una sorta di trilogia sull’Italia dopo "Improvvisamente l’inverno scorso" e "Italy: Love It or Leave it", per cercare di affrontare temi attuali, pur senza la presunzione di trovare risposte definitive” ammettono i due registi.

Attraverso un’Italia alla deriva democratica, Luca e Gustav ci conducono in un viaggio fatto di incontri, riflessioni, dibattiti nei circoli del PD della Capitale, testimonianze di personalità della cultura e della politica, come Fabrizio Barca, Dario Franceschini, e Stefano Rodotà, alla ricerca di cos’è rimasto della sinistra, soprattutto dopo le elezioni del febbraio 2013. Di un progetto che nato come alternativa alla destra conservatrice e liberale, sembra ormai sprofondare nella totale mancanza di programmi e idee, ed identificarsi sul destino giudiziario di Berlusconi e delle sue vicende personali.

Eppure in un momento di vuoto politico e culturale, mentre molti vogliono potersi comunque collocare nelle categorie di "destra" o "sinistra", altri orgogliosamente di sinistra, adottano comportamenti irrazionali. Così Luca, più ancorato alle ideologie, e Gustav, fedele ad una visione pragmatica di ciò che dovrebbe voler dire essere di sinistra, si confrontano sulle classiche tematiche della sinistra, attraverso un divertente quiz show, intitolato appunto, "What is left?" Il “botta e risposta” tra i due concorrenti-protagonisti, rivela tutti i limiti di una contrapposizione che sembra non avere più ragione d’esistere, perché tra una parte e l’altra non ci sono più quelle differenze così marcate, e pretese.

“Non è un film ideologico, forse scomodo, ma sincero, che vuole fare i conti con gli errori che la sinistra ha commesso nella sua storia, anche recente”, dichiarano i due registi. Un documentario vivo e veloce, lontano da ogni retorica e capace di fotografare lo stato confusionale di un popolo, non solo quello di sinistra, che non sa più bene da che “parte” stare.

23/11/2013, 10:00

Monica Straniero