Sudestival
I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

FELLINI E IL TRAM - "Intervista", a bordo del 312 per CinecittÓ


L'Associazione Torinese Tram Storici - ATTS conserva in ottimo stato, dopo averlo recuperato e restaurato, un esemplare dello storico "Tram di CinecittÓ", che collegava la stazione agli studi cinematografici romani, immortalato da Federico Fellini - che su quel tram salý nel 1940 al suo arrivo nella capitale - nel film del 1987 "Intervista".


FELLINI E IL TRAM -
La "312" - Foto di Carlo Griseri
Film autobiografico e spassionata dichiarazione d'amore verso il cinema e i suoi collaboratori, "Intervista" di Federico Fellini Ŕ uno dei lavori meno citati tra quelli del "maestro" romagnolo, un film nel film capace ancora oggi di regalare emozioni e dettagli unici sul genio felliniano.

Una troupe di giornalisti giapponesi si reca a CinecittÓ per intervistare Fellini, e questo incontro - che si avvia con una domanda proprio sul suo legame con gli studi romani - Ŕ l'occasone per il regista di ripercorrere la sua carriera, i suoi top˛i narrativi, i suoi amori e le sue fissazioni.

Uno dei momenti pi¨ toccanti del film Ŕ il ricordo della "prima volta" di Fellini a CinecittÓ. Era il 1940, c'era la guerra, il futuro regista era ancora solo un giornalista e doveva intervistare una diva famosa: "Si prendeva un tramvetto azzurro vicino alla stazione, davanti a un vecchio albergo diurno che si chiamava la Casa del Passeggero".

Roma nel frattempo Ŕ molto cambiata, e nel 1987 - anno di "Intervista" - quella "Casa" non esiste pi¨ come mezzo secolo prima (verrÓ ricostruita grazie alla magia del cinema...). Fellini si reca direttamente al deposito dei tram, quello detto "dell'Alberone", e si muove tra le vecchie vetture: ce ne sono ancora alcune ammassate in un angolo, e il regista (con troupe al seguito) sale sul "tramvetto" insieme al suo amico e produttore Pietro Notarianni.

Sergio Rubini interpreta nel film il giovane Fellini che arriva per la prima volta a Roma per intervistare una diva "che lo ha sempre turbato": uno di "quei" tram azzurri Ŕ stato recuperato dal deposito, tagliato a metÓ e montato su un camion, diventando il set mobile di una sequenza tra sogno, ricordo e realtÓ. Rubini/Fellini guarda Roma scorrere al di fuori del finestrino, la campagna lentamente diventa cittÓ e le porte si aprono solo davanti a quegli studi che diventeranno presto una seconda casa per il (futuro) regista...

Oggi, pi¨ di un quarto di secolo dopo l'uscita di "Intervista", a Roma di tram azzurri come quelli che coprivano la distanza tra la stazione e CinecittÓ non ne esistono pi¨. Ne Ŕ conservato uno - per fortuna - a Torino, dove la meritevole Associazione Torinese Tram Storici - ATTS lo ha scoperto, acquistato nel 2006 e restaurato nell'ambito di un progetto finanziato dal Ministero dell'Ambiente che port˛ al recupero di 7 vetture storiche, prima di rimetterlo "in strada" nel 2010. Ne esistono ad oggi altre due, una di proprietÓ di un privato e l'altra ferma in un deposito di Roma (quella usata da Fellini, invece, a fine lavorazione Ŕ stata demolita).

Classe 1935, la motrice "312" Ŕ quindi l'unica oggi operativa e in grado di circolare ancora, seppure per le strade di Torino e non nel suo percorso originario romano: dopo 45 anni di servizio tra la stazione Termini e CinecittÓ (ma anche nel tratto Termini-Capannelle), nel 1980 queste vetture vennero sostituite dalla linea B della metropolitana e chiuse nel deposito dell'Alberone in via Appia.

Costruita da Carminati e Toselli per le tratte urbane della rete romana Stefer, questa vettura ebbe ancora un momento di gloria nel 1987 con la celebrazione felliniana prima di un oblýo che pareva definitivo. Almeno fino all'intervento di ATTS e alla "rinascita" del 2010...

31/07/2013, 10:00

Carlo Griseri

Video del giorno