OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

LUCCIOLE PER LANTERNE - L'acqua, bene comune?


Stefano e Mario Martone raccontano la privatizzazione (italiana) dell'acqua in Cile


LUCCIOLE PER LANTERNE - L'acqua, bene comune?
"Lucciole per lanterne" parla di Cile ma parte dall'Italia; esattamente cinque anni fa, quando si trattato di votare il referendum sulla privatizzazione dell'acqua e i registi - Stefano e Mario Martone - scoprono che il nostro paese, nella figura della pubblica Enel, possiede il 97% dell'acqua cilena.
Se, dunque, votiamo per mantenere il diritto all'acqua pubblica, dall'altro capo del mondo sottraiamo la stessa risorsa a migliaia di famiglie per costruire imponenti dighe.

Il documentario si snoda sulla dorsale cilena partendo dalla Patagonia e dirigendosi verso nord per dare voce ai protagonisti di una protesta decennale (la prima diga fu costruita nel territorio mapuche negli anni '90), tutte donne. Cos impariamo a conoscere e ammirare la tenacia di Berta (mapuche gi attiva nel secolo scorso), che non vuole accettare la terra senza accessi all'acqua concessale in cambio di quella perduta; e Claudia, conduttrice radiofonica che lotta e si informa per contrastare nel merito il progetto della nuova diga, purtroppo senza ottenere risultati.

L'effetto della prima diga sul territorio dell'Alto Bio Bio stato devastante (massima disoccupazione, distruzione dell'agricoltura, tasso di suicidi pi elevato del paese) ma questo precedente non influisce sulle decisioni dei politici chiamati a decidere.
N la popolazione potr avvantaggiarsi della nuova risorsa energetica, perch l'elettricit sar in gran parte destinata alle miniere lontane 2000 chilometri, e in minima parte troppo cara.

"Darei l'intera Montedison per riavere le lucciole", recitava Pasolini (doverosamente citato in epigrafe del documentario), ma certo che il progresso scrive una storia diametralmente opposta, pare sottolineare il titolo (oppure vuole dirci che la societ sta sbagliando?).

28/04/2013, 10:30

Sara Galignano