Meno di 30
I Viaggi di Robi

Maurizio Lombardi vince la seconda edizione di "Florence For Fringe"


Maurizio Lombardi vince la seconda edizione di
Sar lo spettacolo teatrale Pugni di zolfo scritto, diretto e interpretato da Maurizio Lombardi, attore nato a Firenze, regista e autore, a volare al 66/o Fringe Festival di Edimburgo, dal 2 al 26 agosto nellomonima citt scozzese, quale vincitore della seconda edizione del Florence For Fringe, il concorso - nato nel capoluogo toscano - che porta una compagnia italiana al festival pi importante di arti performative al mondo. La pice teatrale di Lombardi si aggiudicata il podio tra oltre 20 progetti pervenuti da tutta Italia e selezionati da una giuria composta da professionisti del settore. Lo spettacolo sar messo in scena in lingua inglese tutti i giorni (25) durante il festival scozzese.

In italiano sar messo in scena al Teatro della Pergola, luned 22 aprile alle ore 21,15.

Il concorso Florence for Fringe un progetto ideato dallassociazione Cultcube con il patrocinio del Comune di Firenze e dellIstituto Italiano di Cultura a Edimburgo, in collaborazione con la Fondazione Teatro della Pergola.

Lo spettacolo stato tradotto in inglese (al Fringe, infatti, il titolo sar Fists of sulphur) dallo stesso attore. E un monologo sulla tragica vicenda delle zolfatare siciliane di inizio Novecento, sulla storia dellinfanzia di un pugile, tra sogni, paure e giochi per sfuggire alla morte e alla discesa nellinferno della zolfara. Qui i carusi, bambini di sette-otto anni, si spezzano la schiena per portare in superficie lo zolfo, la nuova ricchezza della Sicilia. Il testo trae spunto da un componimento del grande poeta siciliano Ignazio Buttitta (1899 1997), intitolato A li matri de li carusi, un'accusa rivolta alle madri di questi figli mandati sotto terra, privati della luce del sole e di un'infanzia vera.

La scena, scarna, viene riempita dall'attore Maurizio Lombardi, artista versatile, che qui interpreta pi personaggi, in uno spettacolo che usa il corpo quale strumento narrativo.

La partecipazione al Fringe Festival e la necessit di proporre lopera in lingua inglese, hanno dato allattore la possibilit di adattare la drammaturgia e lavorare sul personaggio, Vito, che con il suo inglese sporcato di siciliano, aggiunge al suo bagaglio di pugile e caruso, anche quello di emigrante.

10/04/2013, 12:36