Meno di 30
I Viaggi di Robi

IL PRINCIPE ABUSIVO - Un amore da fiaba per Alessandro Siani


Primo film da regista per l'attore napoletano, in uscita nelle sale per San Valentino. Abituato a vivere a scrocco, un disoccupato napoletano si ritrova come per magia in un castello, con una bella principessa che dice di amarlo. Una romantic comedy, ben interpretata da Sarah Felberbaum, Christian De Sica e dallo stesso Siani.


IL PRINCIPE ABUSIVO - Un amore da fiaba per Alessandro Siani
Una musica dolce, una valle incantata, un arcobaleno, un castello, una bella principessa. Un inizio in pieno stile Walt Disney per una commedia vestita da favola.

Dopo i grandi successi ottenuti al botteghino nei panni di "Mattia Volpe" in "Benevenuti al Sud" e "Benvenuti al Nord" di Luca Miniero, Alessandro Siani passa per la prima volta dietro alla macchina da presa con "Il principe abusivo", in uscita in sala il 14 febbraio.

La principessa di un piccolo principato sente di non riuscire ad essere all'altezza del ruolo precedentemente coperto dalla nonna e dalla madre, in passato amate e apprezzate dai media di tutto il mondo. Per far accrescere la sua popolarit servirebbe qualcosa di estremo, di inaspettato. Ad esempio un'apparente storia d'amore con un povero disoccupato.

Fin dai primissimi minuti, la sensazione quella, spiacevole, di sapere perfettamente in che direzione andranno tutti i personaggi, quale sar lo sviluppo della trama e, ancora peggio, come andr a finire la storia. Ma ricordandosi che non si tratta di un giallo con l'assassino, ma di una romantic comedy ben confezionata, da scartare e apprezzare al momento come un cioccolatino a San Valentino, si riesce in parte a soprassedere al dj vu.

Ci che riesce meglio al novello regista, la direzione degli attori, con un Christian De Sica equilibrato e convincente nei panni del ciambellano di corte, una Sarah Felberbaum che gioca di sottrazione restituendo insieme dolcezza e ingenuit, e lo stesso Siani, in bilico tra miseria e nobilt, che si conferma uno dei pi interessanti "animali da palcoscenico" in circolazione.

Al di l di certe battute da vecchia barzelletta e di qualche inutile trovata slapstick fuori posto, Siani riesce a ben shakerare romanticismo e ilarit, dirigendo un film semplice ed onesto, che non punta verso le grasse risate, ma piuttosto verso il tenero sorriso.

Nel finale, prima del rispolverato "The End", il regista fa cantare a De Sica e a Serena Autieri "'O surdato 'nnammurato", quasi a dimostrare di voler trascorrere il San Valentino con il vero grande amore della vita, Napoli.

12/02/2013, 13:04

Antonio Capellupo