Sudestival 2020

GIROTONDO, GIRO INTORNO AL MONDO - Omaggio a Venezia


Il film di Davide Manuli omaggiato a Venezia 2012 con una pubblicazione e una nuova versione "allungata"


GIROTONDO, GIRO INTORNO AL MONDO - Omaggio a Venezia
E' un'umanit disgraziata, drogata e infelice quella ritratta da Davide Manuli nel suo "Girotondo, giro attorno al mondo", film underground e di culto per una generazione.

Protagonista Angelo, orfano cresciuto da una donna nomade, tossico (quasi "ex") che perde un amico per droga e cerca perci di allontanarsi da un mondo - compresa la sua ex donna - da cui capisce di non potersi aspettare che dolore e disperazione.

Non sar un percorso facile, perch intorno a lui non si vede altro che suoi simili, persone e personaggi schiave di una realt che li opprime e da cui escono (o credono di uscire) solo rifugiandosi nell'oblio dell'eroina. Un buco tutto ci che chiedono, un buco tutto ci che avranno.
Ma Angelo alla fine riesce a incontrare Serena, prostituta infelice con cui intravede un miracoloso (ma possibile) futuro di (effimera?) felicit.

Girato in un bianco e nero sporco ma efficace, "Girotondo, giro attorno al mondo" - caratterizzato da una regia originalissima e da un montaggio non lineare - trasmette sulla pelle dello spettatore tutto il degrado in cui vivono i suoi protagonisti.

Una Babele linguistica (italiano, francese, inglese) in cui il destino comune e la follia contagiosa: anche per chi guarda superare il momento pi difficile (la prima parte, dolorosa per tutti) pu significare l'approdo a una realt migliore... Ma non tutti ce la possono fare.

29/08/2012, 08:00

Carlo Griseri