Sudestival 2020

CINE' 2012 - Giuseppe Piccioni e Riccardo
Scamarcio su "Il Rosso e il Blu"


CINE' 2012 - Giuseppe Piccioni e Riccardo Scamarcio su
"Ho cercato di fare un film che riuscisse a raccontare un mondo che credo valga la pena di proteggere, la scuola. E' un universo complesso fatto di speranze, esclusioni e senso di fallimento, vissuto in prima persone da ragazzi che ritengo abbiano il diritto di pensare di avere un futuro. Credo sia una commedia che riesce a dire cose importanti in maniera leggera e che sapr entrare nei sentimenti di tutti, nessuno escluso."

Parola di Giuseppe Piccioni che in occasione della presentazione del listino della "Teodora Film" all'interno di "Cin 2012", ha presentato "Il rosso e il blu", in sala da settembre. Per un film ambientato tra i banchi di scuola, stato scelto un titolo che richiama le matite dei prof, ma che secondo il regista mette a fuoco un lato importante della vita: "sullo sfondo ci sono le aspettative e gli sbagli di due diverse generazioni. Ci sono quelle dei ragazzi, "errori di giovent" da matita rossa. Poi ci sono quelli degli adulti, che hanno perso ogni tipo di entusiasmo e ne commettono di irreparabili, e quelli sono evidentemente da matita blu".

Il ruolo del giovane supplente di lettere interpretato da Riccardo Scamarcio, che si detto entusiasta per l'esperienza vissuta: " stato un lavoro davvero interessante, preparato venendo a contatto con alcune realt liceali romane. Nonostante la vita oggi sia sempre pi veloce e frenetica, rientrando nelle classi ho notato con piacere che il senso di cameratismo e la concretezza nei rapporti non sono venuti meno nel tempo".

Poi una confessione sul Riccardo-studente: "non provo nostalgia per la scuola, perch da ragazzo l'ho odiata e direi che non mi manca proprio. E' stato divertente vivere per due mesi alcune dinamiche fianco a fianco agli studenti e il prodotto finale credo sia un bellissimo film italiano".

26/06/2012, 13:38

Antonio Capellupo