Festival del Cinema Citt di Spello
I Viaggi Di Roby

LA BALLATA DEI PRECARI - Di lavoro, non ce n' per nessuno


Silvia Lombardo trae spunto da suo libro omonimo per raccontare i trentenni alle prese con il lavoro. Storie vere e di fantasia per una foto attuale del paese.


LA BALLATA DEI PRECARI - Di lavoro, non ce n' per nessuno
Fino a che punto il lavoro importante? Silvia Lombardo nel suo "La Ballata dei precari" racconta un lavoro che non c', al quale si dato cos tanta importanza nel corso della storia italiana, da farlo diventare merce di scambio, strumento di potere, oggetto di ricatto. Solo chi pu garantire qualcosa in cambio, avr la possibilit di un posto fisso, merce ormai sempre pi rara e riservata spesso a chi non ne ha bisogno. Per gli altri c' il precariato. In se definisce l'utilit di un lavoro, visto che quello fisso a cui aspirano i giovani del film, ormai virtuale, spesso creato apposta per concretizzare scambi politici, favori sessuali, e ricambiare con uno stipendio mensile qualsiasi esigenza compensativa. Se ho bisogno di qualcuno per un lavoro vero, lo assumo precario (e ricattabile), a tempo determinato, part-time, co.co.co., co.co.pro., partita iva, etc, etc, etc...

Il film si divide in sei episodi e i personaggi principali reagiscono in modo diverso alla ricorrente mancanza di un lavoro sicuro. La voglia disperata di raccontare un mondo si percepisce in ogni situazione, rischiando per di ripetersi malgrado le scelte di genere rendano ogni capitolo singolare. Ma mentre personaggi e svolgimento sono originali, l'epilogo che porta lo spettatore a medesime considerazioni. Ed forse la mancanza di sano e cinematografico cinismo a omologare le storie del film, con il lieto fine, seppur surreale, ironico e distaccato, che accende improbabili speranze. Solo l'episodio l'Ammortizzatore, usa in modo estremo e indovinato una chiave cinica e spietata, lasciando immaginare che con attori di maggior spessore nel ruolo degli anziani, si sarebbe colpito il centro del bersaglio.

Gli interpreti sembrano tutti molto coinvolti nell'operazione di raccontare, in fondo, se stessi, molto complici nelle disavventure di una generazione che prova in tutti i modi a farcela da s. E il film un po' l'immagine di questa generazione, determinata a far da sola, abbagliata da una indipendenza sempre meno probabile e costretta a convivere, spesso senza prenderne atto, in una situazione difficile per tutti.

29/05/2012, 11:30

Stefano Amadio