I viaggi di Roby
Cinema Aquila

Libro/film - Medea e il "blues" della maternità


Il film "Maternity blues" di Fabrizio Cattani porta sullo schermo l'opera teatrale di Grazia Verasani, autrice con lui della sceneggiatura


Libro/film - Medea e il "blues" della maternità
E' un'opera teatrale quella su cui Fabrizio Cattani ha basato il suo "Maternity Blues", scritto insieme all'autrice del testo, Grazia Verasani. Il tema trattato forse uno dei pi ostici che si possano immaginare, quello delle madri che uccidono i propri figli.

Il libro presenta solo quattro personaggi (Rina, Eloisa, Vincenza e Marga) e un unico spazio d'azione, la clinica in cui le donne sono state rinchiuse dopo le rispettive condanne. Era inevitabile che il film presentasse qualche differenza (a parte quelle piccole, come il nome di Marga che diventa Clara), e se non si pu dire che Cattani abbia "tradito" lo spirito del libro (lo ha pur sempre scritto con l'autrice originale!) di certo ne ha modificato non poco alcune caratteristiche.

Dalla carta allo schermo cambiano principalmente due cose, la "vita" della clinica (si vedono anche le altre pazienti, "agiscono" i dottori e gli infermieri), compresa la violenza contro Eloisa, e tutta la parte che riguarda il marito di Clara, compreso il loro incontro finale. L'incomprensibilit delle azioni delle madri/mostri rimane, ma mentre il testo lascia capire tutto al lettore da solo, il film sente la necessit di spiegare l'ovvio, aggiungendo troppe parole (le chiacchiere delle persone per strada, i ragionamenti del prete, il convegno) quando forse sarebbe servito toglierne.

Il resto rimasto intatto, in particolare i dialoghi tra le quattro donne e alcune loro caratteristiche (la depressione - la "maternity blues" del titolo del film - di Vincenza, la dolcezza di Rina, la sfrontatezza di Eloisa...): alcune idee funzionano - le madri che a turno dicono di non dare la colpa a nessuno per il loro gesto, se non a loro stesse - ma nel complesso il film di Cattani, nel tentativo di staccarsi da un testo originario troppo teatrale, ne perde per strada i pregi senza trovarne di nuovi.

Dispiace, perch il tema meritava di pi e se resta onorevole da parte degli autori l'averlo affrontato, "Maternity Blues" rimane solo uno spunto. Ma per questo bastava il libro.

28/04/2012, 11:00

Carlo Griseri

Video del giorno