I Viaggi Di Roby

FESTIVAL DI TORINO Brogi Taviani e gli "Italiani all'Opera"


Il documentario presentato nella sezione "Cinema e Cinemi", racconta il viaggio degli italiani in Argentina attraverso l'Opera.


FESTIVAL DI TORINO Brogi Taviani e gli
Gli italiani immigrati in Argentina con le loro vicende e le loro tribolazioni umane sono i protagonisti dell’ultima produzione di Franco Brogi Taviani, presentato nella sezione “cinema e cinemi”.
"Italiani all’opera! – Gli italiani in Argentina" č una pellicola che ha il merito di mostrare, in modo poetico e con l’aiuto della lirica, il fenomeno migratorio. Storie di uomini e donne sradicati dal loro mondo che ricordano commossi l'esperienza attraverso la lirica, ritrovando quel legame e quella connessione che ai tempi dell’emigrazione era l’unico mezzo per mantenere vive le proprie radici.

L’Argentina non era certo l’America, e molti di loro testimoniano lo stupore provato all’arrivo trovando una nazione da costruire, in cui il primo passo da fare era quello di tirarsi su le maniche e lavorare, lavorare, lavorare. In questo viaggio ci accompagna la figura di un giovane cantante lirico in cerca di fortuna nell’Argentina di oggi.

Lirica, opera e musica simboleggiano, da parte degli intervistati arte, cultura e genialitŕ, ma anche tanta fatica e nostalgia di un’Italia abbandonata e nella maggior parte dei casi ma piů ritrovata.

"L’opera lirica č stata la “colonna sonora” che ha fatto da sottofondo alle ondate migratorie", dichiara il regista, "ed č rimasta sempre uno dei piů forti legami affettivi e culturali con quel mondo lontano ed amato al di lŕ dell’Atlantico: intrecciare la lirica al tessuto narrativo mi č servito per dare al film un impatto spettacolare ed emotivo, mescolando passione ed ironia".

Il risultato di questo ricordo č appassionante e commovente, come le immagini inserite di Aldo Fabrizi ed Ave Ninchi tratte dal film “Gli emigranti” (indimenticabili) e la romanza “Vŕ pensiero” tratta dal Nabucco di Verdi che, con lo scenario mozzafiato delle pianure e montagne argentine, conclude questo coinvolgente viaggio.

03/12/2011, 16:03

Luca Corbellini