I Viaggi Di Roby

FESTIVAL DI ROMA "Verso l'Infinito". Il Piero della Sicilia


Un film sul pittore siciliano Piero Guccione nella rassegna Doc Off di Extra. Fu assistente di Guttuso ispirandosi alla pop-art.


FESTIVAL DI ROMA
Il documentario "Piero Guccione, verso l’infinito" di Nunzio Massimo Nifosì si potrebbe anche chiamare, secondo Lorenzo Zichichi, responsabile delle mostre del pittore siciliano, un’ostinazione e una realizzazione di un sogno da parte di un regista, che, come in nessun catalogo pittorico, è riuscito a catturare e far emergere il valore pittorico delle sue opere.
Per il regista e produttore del film questo lavoro rappresenta un tentativo di dialogo con lo stile dell’artista e di mettersi in contatto con la sua arte non in maniera descrittiva.

La voce off di un narratore e interviste ai principali critici d’arte mostrano in maniera didascalica il percorso artistico di un pittore apparentemente schivo, che ha lasciato la Sicilia nel’54 per trasferirsi a Roma, dove ha svolto la professione di grafico ed fu affascinato dagli artisti della Capitale, il gruppo dei pro e dei contro di Attardi e Farulli.
Assistente di Renato Gattuso, si ispirò alle figure di Bacon e alla pop-art di Andy Warhol riproducendo oggetti della cultura di massa, come le automobili utilitarie, per far rivivere nel quadro la memoria decontestualizzandolo dall’attualità.
I soggetti più frequentati furono il mare, il carrubo, i ritratti, come il trittico di Titina Maselli, di Sciascia e Mondadori, della bambina Paola.
Attraverso tecniche miste denunciò poi con le sue opere il degrado ambientale, che stava contaminando anche il territorio siciliano, guadagnandosi il plauso di Visconti e Pasolini, registi impegnati sempre presenti alle sue inaugurazioni.

Ogni sua scelta tecnica e stilistica avevano un significato recondito: il blu di Piero Guccione non era solo quello del mare siciliano, ma celava qualcosa di metafisico e di speciale. All’olio, lento e mediato, preferiva il pastello più istintivo e legato alla corporeità. Un pittore che amava osare.

05/11/2011, 09:00

Alessandra Alfonsi