OFF - Ortigia Film Festival
I Viaggi Di Roby

FESTIVAL DI ROMA Riccardo Scamarcio e le paure dell'attore


"Io non sono io. Romeo, Giulietta e gli altri" di Paolo Santolini, ripercorre le tappe del viaggio della "star" italiana in una dimensione diversa dal solito.


FESTIVAL DI ROMA Riccardo Scamarcio e le paure dell'attore
Quando sei una "star" del cinema, protagonista di un mondo fatto di glamour, copertine di settimanali e fan disposti a tutto pur di avere un autografo, l'entrare a far parte di una compagnia teatrale che sta per mettere in scena Shakespeare, pu essere visto come un "capriccio" personale, una scelta fatta per puro diletto.

Molto differente il caso di Riccardo Scamarcio, che partecipando al Romeo e Giulietta di Valerio Binasco, ha voluto intraprendere un viaggio dentro se stesso, alla scoperta delle proprie incertezze e fobie. Questa "mistica" esperienza raccontata da Paolo Santolini nel documentario "Io non sono io. Romeo, Giulietta e gli altri", presentato fuori concorso nella sezione Extra del Festival Internazionale del Film di Roma.

Il rischio pi grosso in questi casi, di realizzare un semplice backstage, buono solo come contenuto extra di un home video. Il doc di Santolini invece sorprendentemente originale, con una macchina da presa che riesce a farsi "invisibile", per aggirarsi durante le prove, entrare nei camerini, rubare e registrare emozioni uniche. Una telecamera che ne fa vedere anche delle altre, quelle di una tv fatta di pochezza di contenuti e di domande imbarazzanti, che il regista mette in "ridicolo" con il solo mostrarle.

Continuamente giudicato dai colleghi, carico di responsabilit per la buona riuscita dello spettacolo, Scamarcio si dimostra un ottimo "prototipo" per un film sull'attore e sulla sua paura, mettendosi a nudo completamente e mostrando allo spettatore il proprio "Io" pi recondito. Un'opera che forse meritava pi di un "Fuori Concorso".

02/11/2011, 13:53

Antonio Capellupo