I Viaggi Di Roby

I vincitori della 2° edizione del CinemAvvenire Video Festival


I vincitori della 2° edizione del CinemAvvenire Video Festival
CONCORSO INTERNAZIONALE CORTOMETRAGGI
La giuria composta da Alessandra Alfonsi, Adriano Bordoni, Maurizio Fraschetti, Dario Marcucci, Igor Mattei e Simone Scafidi ha assegnato i seguenti premi e le seguenti menzioni:
MIGLIOR FILM
Uncle Bubbles di Fabrizio Marrocu
Per aver raccontato con un linguaggio complesso e al tempo stesso diretto una storia di disagio mentale e familiare. Dove la lingua sarda svolge un ruolo fondamentale nella caratterizzazione e nell'impatto drammatico della vicenda e una natura aspra e incolta è la testimone muta di gesti e sentimenti spontanei, anche se espressi in maniera rude, propri della cultura e della tradizione dell'isola.
MIGLIORE REGIA
Metachaos
di Alessandro Bavari
Per il senso grafico delle immagini e la fantasia nella scelta dei singoli elementi (figure umane e oggetti), che trovano una evoluzione continua nello svolgimento della narrazione. Dove la colonna sonora, usata in maniera egregia, è chiave fondamentale di commento e interpretazione della vicenda.
Menzione alla fotografia
Io sono qui di Mario Piredda
Menzione all'interpretazione
Alessandro Vasta in Una storia semplice di Roberto Zazzara
Menzione ai costumi
Dens Sapientiae-Il dente del giudizio di André Guidot

INTERNAZIONALE DOC "IDENTITÀ E DIVERSITÀ"
La giuria composta da Gianluca Arcopinto, Valentina Grippo, Denis Malagnino, Igor Mariottini, Chiara Pascali e Giuseppe Sansonna ha assegnato i seguenti premi e le seguenti menzioni:
PREMIO "IL CERCHIO NON È ROTONDO. CINEMA PER LA PACE E LA RICCHEZZA DELLA DIVERSITÀ"
La sospensione
di Matteo Musso
Per il particolare sguardo documentaristico sul mondo della scuola e della formazione. Per la capacità di raccontare con lucido rigore la frustrante ricerca dell'integrazione da parte del giovane protagonista, che si manifesta sullo schermo attraverso una messa in scena "politica" dello spazio scolastico. Una regia che indaga ma non giudica, osserva e rende partecipe lo spettatore evidenziando i delicati passaggi tra identità, diversità e integrazione.
MIGLIORE REGIA
Il cantiere e la magnolia
di Paolo Taddei
Per avere restituito allo spettatore un'immagine credibile e stilizzata del filo invisibile che lega il lavoro dell'uomo alla terra. Per avere reso, esclusivamente attraverso le immagini, una narrazione carica di significato. Un cortometraggio asciutto, che in pochi minuti riesce a coniugare il senso estetico all'efficacia narrativa.
Menzione alla fotografia e alla scenografia
Aquiloni controvento
di Alessandro Stevanon
Menzione al soggetto
Midnight Bingo
di Antonio Longo
Menzione al montaggio
Torre 8
di Leonardo Ferraro

05/07/2011, 12:15