I viaggi di Roby

Da Sodoma a Hollywood: "Angels on a death row",
torture ed esecuzioni per i gay in Iran


Da Sodoma a Hollywood: "Angels on a death row", torture ed esecuzioni per i gay in Iran
Un documentario crudo, voluto fortemente da Alessandro Golinelli - uno degli organizzatori del festival torinese "Da Sodoma a Hollywood" - e dedicato alla pena capitale riservata alle persone accusate di (presunta) omosessualità in Iran.

Partendo dal clamoroso caso di Ebrahim Hamidi, un ventunenne condannato a morte (e a rischio di lapidazione), il triste destino (e i giovani volti) dei gay che sono stati impiccati, il contesto sociale e politico di tali atrocità (comprese le numerose impiccagioni di minorenni), la dolorosa, rischiosa, umiliante esistenza clandestina dei gay (un destino che si amplia nel corso del racconto anche a tutti coloro che avversano il regime attuale).

L'utilizzo di immagini - rarissime - delle torture e delle esecuzioni iraniane è uno dei punti chiave di questo lavoro: la qualità pessima dei filmati, "rubati" da alcuni spettatori con mezzi di fortuna e recuperate tramite la rete, inficia solo in parte la forza e la violenza di quanto è raccontato. Il "grande schermo" non aiuta in questo senso, ma il lavoro fatto dagli autori (e da Rocco Bernini in particolare) per rendere "visibile" e (e quasi "artistico") il materiale c'è e si nota.

Il racconto è a tratti duro e a tratti commovente, le interviste a Mohammud Moustafei - avvocato di Ebrahim Hamidi e Sakineh, a Drewery Dyke -responsabile dell'Iran per Amnesty International, e all'attvista inglese Peter Tatchell rendono il quadro più chiaro e completo.

Basta il (tristemente lungo) elenco di esecuzioni e di condanne a morte degli ultimi anni per ragazzi e ragazze giovanissimi (anche quindicenni) per colpire al cuore lo spettatore.

01/05/2011, 10:15

Carlo Griseri

Video del giorno