Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!X

Note di regia del documentario "Pablo lifes of a Poet"


Note di regia del documentario
Ho sempre sognato di realizzare un film semplice e speciale mettendo in scena persone vere, trovate giorno per giorno per strada. Senza piani di produzione, alti costi, seguendo solo il cuore. Pablo ha un grande significato. uno dei pochi film a tema realizzato con delle telecamere molto vecchie in questi giorni (vecchie di 30 anni) con blocco di pellicola riciclato, poich non avevamo mai i soldi per comprarla nuova, e la speranza di realizzare una storia intera con la gente, adatta alla gente e non al pubblico. questo il punto esatto da cui sono partito. molto rischioso, ma di grande ispirazione. Approdammo quindi in Cile, cinque persone soltanto, e abbiamo ripreso, composto la colonna sonora, ascoltato la gente parlare di neruda e della poesia in un modo semplice e profondo.
Il tentativo di offrire un lungometraggio a tema in questo modo cos particolare molto audace, invece di cercare di raccontare una storia tranquilla e sicura, con una preparazione preventiva accurata, molto pi sicura dell'esperimento di Pablo. la mia speranza quella di introdurre una nuova modo di fare cinema, di raccontare storie, coinvolgendo davvero la gente di tutti i giorni che avranno il vantaggio di rendere il cinema una profonda parte di loro stessi.

Dartio Baldi