Meno di 30
I Viaggi di Robi

Valerio Jalongo racconta la distanza tra studenti
e insegnanti nel film "La Scuola Finita"


Valerio Jalongo racconta la distanza tra studenti e insegnanti nel film
"La Scuola Finita", il film di Valerio Jalongo in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma, ci introduce in un mondo fatto di noia, di incomprensione, di muri scrostati per darci la sensazione di come, in molti casi, siano sprecati gli anni dell'insegnamento secondario. In questo caso un Liceo, il Pestalozzi di Roma, e la figura che fa da traino al film quella dello studente modello; modello negativo, il pi frequente in questo ambito di emarginazione. Nome di battesimo Daniele, nome d'arte Alex, venditore di pasticche, sballato abituale che finisce, dopo un volo dal tetto, per attirare l'attenzione dei suoi professori di Lettere e Scienze, interpretati da Valeria Golino e Vincenzo Amato, gi marito e moglie sul punto di divorziare. La professoressa interessata a tirarlo fuori dalla spirale in cui caduto, il secondo, chitarrista represso, scopre che sotto alla sua rabbia giovane c' del talento musicale e lo coinvolge a suonare e a scrivere canzoni.
Tra una pretestuosa quanto vandalica occupazione e una (delle tante) famiglie disintegrate, sembra che la vita di Alex, interpretato da Fulvio Forti, stia per riprendere quota, quando la distrazione cronica delle istituzioni finisce e l'attenzione ricomincia con giudizi e condanne, rovinando il delicato e alternativo processo di recupero.

"La Scuola Finita" deprimente quanto basta, fotografia spietata di un paese in cui ormai quasi tutti sono ai margini. Il film per manca di un filo conduttore che abbia presa sufficiente per coinvolgere. Malgrado le storie ci siano forse il punto di vista molto distaccato, quasi da documentario, che non coinvolge lo spettatore pi di tanto, lasciandolo indifferente alla sorte dei personaggi. La sceneggiatura scritta da Jalongo con Daniele Luchetti, Francesca Marciano e Alfredo Covelli.

Il film una coproduzioine italo-svizzera tra Ameuropa e Amka Film, con il contributo di Raicinema e del Mibac; distribuito da Bolero Film uscir in sala il 12 novembre.

29/10/2010, 14:27

Stefano Amadio