I viaggi di Roby
Cinema Aquila

"Rimet - L'Incredibile Storia della Coppa del Mondo": le rocambolesche
e misteriose vicende del Trofeo Jules Rimet


Lorenzo Garzella, Filippo Macelloni e Csar Meneghetti raccontano la storia sportiva e di cronaca "nera" della Coppa Rimet tra Brasile, Inghilterra, Spagna, Italia, Uruguay ed Argentina. Una spy-story sul trofeo vinto dal Brasile di Pel nel 1970 contro l'italia di Gigi Riva, Sandro Mazzola e Gianni Rivera a Citt del Messico.


"Rimet - L'Incredibile Storia della Coppa del Mondo": le rocambolesche e misteriose vicende del Trofeo Jules Rimet
Manca poco all'inizio del mondiale 2010 ed il momento giusto per presentare il documentario "Rimet - L'Incredibile Storia della Coppa del Mondo". Proiettato alla stampa a Roma e ospite del Taormina Film Festival, questo documentario diretto da Lorenzo Garzella, Filippo Macelloni e Csar Meneghetti, racconta la storia sia sportiva sia di cronaca "nera" del trofeo pi prestigioso del calcio del ventesimo secolo: la Coppa Rimet, due chili d'oro fatti forgiare dall'inventore del campionato mondiale di calcio nel 1929, e assegnata, dopo 3 vittorie, al Brasile di Pel nel 1970.
A parte le vittorie sul campo (Brasile 3 volte, Uruguay 2 volte, Italia 2 volte, Germania, Inghilterra) e i relativi viaggi per il mondo, la coppa sub diverse avventure che nulla avevano a che fare con il calcio; a Roma durante l'occupazione nazista, la coppa venne nascosta in una scatola da scarpe dal segretario della Federazione Italiana Ottorino Barassi, che riusc cos a evitarne il sequestro dagli occupanti a caccia di oro per scopi bellici. Poi un ventennio tranquillo nelle bacheche dei vincitori fino al 1966 quando venne rubata a Londra prima del mondiale inglese e ritrovata da un cane in un cespuglio dopo una serie di colpi di scena da film. Quattro anni dopo la coppa doveva essere assegnata; in finale c'erano Brasile e Italia, tutte e due con due stelle sulla maglia, garanzia che dopo quella partita la coppa si sarebbe fermata a Roma o Rio de Janeiro. Riva e compagni non ce la fecero e il trofeo fini in sudamerica. Fino al 1983 quando a Rio, dei ladri di quartiere la trafugarono senza sforzi dalla sede della federazione e la fusero in lingotti. Forse. Vennero arrestati grazie a un pentito, ma la Coppa Rimet non c'era pi, squagliata senza scrupoli di fronte alla bollente crisi economica brasiliana. Ora una copia della Coppa, fatta fare dagli inglesi dopo la disavventura del 1966, esposta a Preston in Inghilterra, ma ai brasiliani, che la vinsero sul campo questo non riesce proprio ad andare gi.

"Rimet" costruito in maniera interessante su un modello molto televisivo, mezzo ideale del calcio moderno, e si avvale di emozionanti immagini di repertorio e interviste a personaggi del mondo del calcio e non solo. Gi venduto in 21 paesi da Rai Trade, per gli appassionati un film di sicuro interesse, un documento che, senza voler essere banali, fa del calcio un mezzo per attraversare la storia del secolo scorso. Il mondo a cavallo della vittoria alata, la sua Coppa; l'Europa e le dittature, il nuovo mondo in America latina, la guerra mondiale e le difficolt del dopoguerra, fino all'Inghilterra di Beatles e Rolling Stones, e alle crisi economiche degli anni 70/80.

Il documentario una coproduzione italiana e argentina realizzata da Daniele Mazzocca e Pier Andrea Nocella per Verdeoro, stato girato in HD e dura 52 minuti.

10/06/2010, 13:01

Stefano Amadio

Video del giorno