FilmdiPeso - Short Film Festival

"Lettere dal Deserto (Elogio della Lentezza)": quando
la tecnologia cambia i metodi di comunicazione


"Anni fa lessi un articolo di una rivista francese che parlava del sistema postale in piccoli villaggi del deserto indiano. Uomini che percorrono decine e decine di chilometri al giorno per consegnare lettere e pacchetti in piccole abitazioni. Lo trovai molto poetico". Parola di Michela Occhipinti, autrice di Lettere dal Deserto, in concorso in Anteprima Doc del Bellaria Film Festival. Oltre a rappresentare il sottotitolo, Elegio della Lentezza rappresenta il leitmotiv di un lavoro originariamente prodotto per il cinema, che va controtendenza rispetto al normale modo di pensare: "Siamo abituati a dare un'accezione positiva alla velocit e viceversa ripudiamo la lentezza. Io credo il contrario e penso che la tecnologia abbia molto influito sui rapporti umani". Dopo vent'anni di onorata carriera da postino, portatore di buone e cattive notizie, Hari si ritrova per le mani un telefono cellulare e nello stesso tempo vede nascere un ripetitore vicino al villaggio e diminuire le lettere. Poi la prima, difficile, telefonata con il figlio e una rassegnata conclusione: "la comunicazione finita".


Incontro con Michela Occhipinti


05/06/2010, 10:24

Antonio Capellupo