I Viaggi di Robi

"L'Uomo che Verrà" da Italiani Brava Gente ai David di Donatello


Fresco di numerose nominations ai “David di Donatello”, che comprendono la candidatura a Miglior film e Miglior regista, Giorgio Diritti è giunto a Firenze nella doppia veste di presidente di giuria di questa seconda edizione di “Italiani Brava Gente” e ospite d'onore. Nel corso della serata di ieri, al termine della proiezione de “L'Uomo che Verrà”, il regista bolognese ha incontrato il pubblico intervenuto, rispondendo a numerose domande e curiosità. Il film che a detta di Diritti "non voleva essere una pellicola sulla guerra ma sul valore della vita", ha raggiunto il successo ottenuto grazie al grande lavoro di squadra: "Chi ha lavorato al progetto ha sentito veramente la necessità e il bisogno di riportare alla luce questa pagina di storia ormai dimenticata". A chi dal pubblico ha invece chiesto il perchè avesse scelto di adottare un punto di vista particolarmente femminile, il regista ha risposto che "per il futuro del nostro paese proprio le donne potranno rappresentare una possibilità di cambiamento, poiché sono loro il vero tempio della vita".


L'Uomo che Verrà - prima parte


L'Uomo che Verrà - seconda parte


L'Uomo che Verrà - terza parte


L'Uomo che Verrà - quarta parte


11/04/2010, 15:18

Antonio Capellupo