Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

David Ballerini racconta Pier Paolo Pasolini
in "Edipo Re e Medea di Pier Paolo Pasolini:
Mito, Visione e Storia di due Sfortune"


David Ballerini racconta Pier Paolo Pasolini in
Il regista David Ballerini
E' disponibile on-line (guarda) il libro "Edipo Re e Medea di Pier Paolo Pasolini: Mito, Visione e Storia di due Sfortune", scritto da David Ballerini, testo su Pier Paolo Pasolini e sui suoi film mitologici scritto dall'autore toscano tra il 1999 ed il 2003.

Prendendo spunto dall'analisi dei film "Edipo Re" e "Medea", il regista David Ballerini in questo testo dimostra che:
- Pasolini, in realtà, non pensava ai suoi film come a film “di poesia”.
- Che di questi film, paradossalmente, molte scene unanimamente indicate da tutti come fondamentali, non sono in realtà state analizzate da nessuno.
- Che dietro al “sistema” semiologico di Empirismo Eretico si nasconde un “sistema” antropologico.
- Che i veri precedenti di Pasolini si trovano in Pavese e negli autori pubblicati dalla famosa Collana Viola
- Che all’origine dell’incomprensione e del disinteresse dimostrato dalla critica per questi film da oltre 30 anni, c’è il tentativo, sbagliato in partenza, di leggerli in chiave ideologica invece che antropologica.
- Che certe opere di Pasolini hanno così finito con l’essere comprese molto meglio da non specialisti di cinema che dai critici cinematografici veri e propri.
- Che tracciando una storia di questo malinteso si riesce a tracciare un quadro, molto più ampio, di storia culturale italiana dagli anni’60 ai giorni nostri.
- Che alla fin fine, per una approfondita comprensione di queste opere, sarebbe bastato leggere con più attenzione quello che Pasolini stesso scriveva.
- Che la figura di Apollo e il concetto di noumeno possono essere molto utili per una migliore comprensione di queste opere; ma anche, viceversa, che queste opere ci possono aiutare a comprendere meglio Apollo e il noumeno.
Che, in ultima analisi, questi film sono autentiche riproposizioni del mito e del sacro in un senso assai più pregnante di quanto comunemente non si intenda.

20/04/2009, 15:40

Simone Pinchiorri