I Viaggi di Robi

Il racconto della vicenda di Antonio Perrone in "Diario di uno scuro"


Il racconto della vicenda di Antonio Perrone in
Antonio Perrone
Fine Pena Mai lopera desordio di Davide Barletti e Lorenzo Conte. Il film, interpretato da Claudio Santamaria e Valentina Cervi e approdato nei cinema allinizio dellanno, narra la storia di Antonio Perrone, studente universitario poi divenuto esponente della Sacra Corona Unita, la mafia pugliese attiva negli anni ottanta ed oggi decaduta.
Non bastato il lungometraggio ai due cineasti per esaurire il loro interesse riguardo alla vita di Perrone; il documentario Diario di uno scuro, presentato ieri in anteprima a Roma, volto a portare a conoscenza del pubblico anche i materiali che non sono stati inseriti nel film.

Il lavoro dei Fluid Video Crew, comprendenti in questo caso anche Antonio Cicchetti che non ha firmato Fine Pena Mai, si dipana quindi tra una serie di interviste e materiali darchivio volti a ricostruire pi direttamente la vita del pregiudicato attualmente in carcere. Diario di uno scuro predilige lintervista a Daniela, la moglie di Antonio, e la voce fuori campo di Perrone stesso; quello che messo in bocca al boss perlopi quanto da lui scritto nel romanzo autobiografico Vista dInterni.

La scommessa, ha precisato Davide Barletti alla fine della proiezione, era quella di raccontare una storia damore sul cui sfondo si innescasse un processo storico. La mafia che raccontiamo era fondamentalmente costituita da un gruppo di eroinomani scoppiati il cui pi grande interesse era forse fondamentalmente leroina stessa. Cos facendo hanno rovinato la loro vita e, nel caso di Perrone, anche quella di moglie e figli. La loro storia ci ha affascinato anche perch sfugge ad una visione morale a senso unico.

Diario di uno scuro, prodotto da Classic, Citrullo International e La Sarraz Pictures per Fox Channels Italy, andr presto in onda su Cult (canale 142 di Sky); avr inoltre una distribuzione home video in Puglia e parteciper alle selezione di diversi festival non solo italiani.

18/11/2008, 17:04

Giovanni Galletta