FilmdiPeso - Short Film Festival

Festival di Locarno 2008: report 11 agosto / Meno male che c' Gandhi


Festival di Locarno 2008: report 11 agosto / Meno male che c' Gandhi
Massimo Moratti e Gabriele Salvatores (fotografia: SDV)
La sesta giornata di Festival inizia con nuvole minacciose ad accompagnare la conferenza stampa di Lezione 21, in cui si descrive la genesi del film e motiva alcune scelte di contenuto e stile. Innanzitutto il nostro Baricco afferma di avere deciso di raccontare la vita di Beethoven non per sottolinearne l'apice, ma al contrario per descrivere il momento in cui il successo dell'artista inizia a sgretolarsi. solo un caso che si sia trattato di Beethoven, dice lo scrittore, avrebbe potuto essere la storia del Partenone ma una formazione prevalentemente musicale lo ha portato a questa scelta 'di comodo'.

Alla conferenza stampa di Petites historias das crianas sono presenti i tre registi Salvatores, Scamoni e Lazzarini oltre a Massimo Moretti, presidente di InterCampus e il quasi omonimo e pi noto Massimo Moratti, che per un'interista da generazioni come me sempre un'emozione poter vedere a pochi metri di distanza. Ci che emerge dalle parole di tutti loro una grande volont di allontanarsi dall'eccessivo buonismo che si potrebbe cogliere a prima vista nelle intenzioni del film e di InterCampus stesso: a guidarli (ci crediamo?) stata una vera e propria necessit interiore, quella di aiutare i bambini delle aree pi povere e disagiate del mondo (a oggi sono ben 17 i Paesi coinvolti) a diventare, prima che calciatori, delle brave persone.

Tra le proiezioni di oggi non ho tralasciato quella del cortometraggio Desertogrigio, che si preannuncia concettuale gi dalla citazione iniziale (The colour of truth is grey - Andr Gide) e in cui i labbroni rifatti di Eva Robins mi impediscono di concentrarmi sul senso del filmato, sempre che ce ne sia uno. Hitler VS. Gandhi invece adorabile: un affascinante e breve viaggio in barca dei due personaggi (e cameo di Mao Tse Tung, il bolscevico bastardo muso giallo, come lo descrive Hitler... non ci facciamo mancare niente!) che si concluder in tragedia. Sentire l'Adolfo gridare Voi! Negri. Comunisti, ebrei, omosessuali [...]! VOI avete distrutto questo pianeta! non ha prezzo. Il ghigno di Gandhi nel finale nemmeno. Per tutto il resto ci sono le vostre carte di credito...

Prima di una pioggia torrenziale concludo il pomeriggio con la visione di Beket, del mio nuovo idolo Davide Manuli. la storia delle peregrinazioni alla ricerca di Godot da parte di Freak e Jaj, che si muovono in una terra desolata accompagnati di volta in volta da strani personaggi, tra cui da menzionare sono DJ Adamo e un'affamata Eva con tendenze lesbo, il cowboy ZeroSei con la sua Panda scura, l'oracolo canterino & his band. Dio, o meglio Godot, sembra giochi a nascondino. Ma si manifesta con una musica elettronica al cui richiamo nessuno pu resistere...

Per la sezione Ici et Ailleurs ho visto con piacere il documentario Beautiful Losers di Aaron Rose e Joshua Leonard (preceduto dallo skater-adolescenziale cortometraggio Trip on a Piece of Wood) sulla nascita e lo sviluppo dell'omonimo gruppo di artisti. Pi volte gli intervistati (tra cui compaiono Harmony Korine, Barry McGee, Margaret Kilgallen) sottolineano l'importanza dello spirito comunitario e dell'influenza reciproca nell'ambiente artistico.

Film della buonanotte questa sera il musical The Eternity Man (Piazza Grande) di Julian Temple, che a dire la verit non mi ha entusiasmato... a domani, miei cari!

12/08/2008, 09:56

Simona Dalla Valle