I Viaggi Di Roby

Note del film "Still Life"


Note del film
"Still Life" un noir introspettivo, un thriller emozionale che promette tensione psicologica e riflessione, nell'altalena di equilibri sospesi e seduzioni di ritmo in cui, fin dalle prime scene, si trovano a turbinare i protagonisti.
Tagliato secondo una precisa progressione drammatica, decliner in una soluzione aperta a piu' interpretazioni, lasciando lo spettatore con un interrogativo pendente.
Prodotto dalla Alto Verbano Pictures srl in co-produzione con Ulisse Lendaro (Lendaro gia' co-autore, produttore e protagonista del film caso nazionale "Medley") il film stato girato in luglio interamente ad Asiago, tra i cupi boschi di conifere dell'Altopiano dei Sette Comuni e baite sconosciute, tra piccoli paesi di montagna e torrenti limpidi, quanto torbidi saranno i legami umani che rifletteranno.
La tragicita' della storia non fa comunque l'occhiolino marpione all'italianita' piu' popolare per garantirsi numeri al botteghino. Non ne ha l'intenzione ne lo scopo.
E' cinema indipendente, che osa nel trattamento di temi scomodi con liberta' stilistica e solide costruzioni narrative, per parlare all'uomo prima che allo spettatore, cosi' come la drammaticita' dell'opera non e'gratuita, ne' fine a se stessa.
Ha, anzi, una sua funzionalit ben chiara, come ha spiegato il regista Filippo Cipriano: "Analizzare i conflitti (intimi ed esterni) e le contraddizioni dei personaggi, da un lato li porter a vederli ingigantiti, dall'altro li far per diventare pi comprensibili e vicini a storie estreme e comunque quotidiane, dei giorni nostri".

18/02/2007