Ortigia Film Festival
I viaggi di Roby

NATALE A LONDRA - Lillo, Greg e la regina Elisabetta


Arriva il film di natale diretto da Volfango De Biasi, terzo capitolo della Filmauro con Lillo & Greg coppia protagonista. Parodia dei classici americano alla Ocean's, con la banda italiana che mette su un complicato piano per trovare in una settimana un milione e mezzo di euro. Con Nino Frassica, Ninetto Davoli, Paolo Ruffini, Eleonora Giovanardi, Enzo Iuppariello e Monica Lima (Arteteca), Uccio De Santis


NATALE A LONDRA - Lillo, Greg e la regina Elisabetta
La banda di "Natale a Londra" di Volfango De Biasi
La strada dei De Laurentiis verso un nuovo cinema per natale continua. Dopo "Natale col Boss", ancora Lillo e Greg con Volfango De Biasi in regia, per una commedia costruita nuovamente all’insegna dell’intreccio malavitoso.
Questa volta si va in trasferta in Inghilterra dove, un gruppo di scalcinati banditi italiani, mette in piedi il rapimento dei cani della regina per poter saldare un pericoloso debito.

La storia è lineare e semplificata per diventare commedia, ma ricorda le avventure degli Ocean’s ovviamente in versione parodiata. Greg e Lillo sono due fratelli completamente diversi che si ritrovano per riuscire ad aiutare il padre, sfasciacarrozze e boss di un quartiere romano (Ninetto Davoli) finito nelle mire di una banda molto ben organizzata, Equitalia.

Tra gag classiche e battute demenziali in puro stile Lillo e Greg, ma anche Nino Frassica ci mette del suo, la costruzione si completa purtroppo con un ricorrente calo di “tensione” apportato dalla presenza poco giustificata della coppia comica napoletana Arteteca, esagerata e ripetitiva nella caratterizzazione e decisamente sottotono, per situazioni e dialoghi, rispetto al resto del cast. Una forzatura che sembra chiaramente inserita per richiamare il pubblico campano delle feste ma che, in fondo, nuoce all’economia del film.
Non manca la scena di azione con Greg che nella rissa sbaraglia la banda rivale mentre Lillo non riesce a far altro che prendere botte da chiunque.

Buona la ricostruzione di gran parte di Londra tra le rive del Tevere, il quartiere Flaminio e Cinecittà World che finalmente serve a qualcosa.

"Natale a Londra" è un film divertente che potrebbe anche andare in sala in un altro periodo dell’anno, legato alle feste soltanto dal titolo, terzo capitolo di una trilogia natalizia che si sforza di allontanarsi dai canoni di un genere che ha per decenni mantenuto in vita la voce “incassi e presenze” del nostro cinema.

16/12/2016, 09:24

Stefano Amadio