Ortigia Film Festival
I viaggi di Roby
locandina di "Cinema Universale d'Essai"

Cinema Universale d'Essai


Regia: Federico Micali
Anno di produzione: 2008
Durata: 69'
Tipologia: documentario
Genere: antropologico/sociale
Paese: Italia
Produzione: Navicellai Film
Distributore: Navicellai Film
Data di uscita: 24/11/2008
Formato di ripresa: DV
Sistema di montaggio: Final Cut Pro su PC
Formato di proiezione: DV, colore
Ufficio Stampa: Antonio Pirozzi / Camilla Toschi
Titolo originale: Cinema Universale d'Essai

Recensioni di :
- Festival dei Popoli 2008: Anteprima con "Cinema Universale d'Essai"

Sinossi: Tra film di culto, urla verso lo schermo, fumo e vespini in sala, il cinema Universale è stato un luogo unico per la Firenze degli anni 70 e 80.
Il film diventava una partitura su cui improvvisare collettivamente, interagendoci con battute, facendolo diventare proprio e rispecchiandoci sogni e ambizioni delle diverse generazioni che si succedevano sulle stesse poltroncine di legno. Non un’ improvvisazione jazz: piuttosto un’ atmosfera più psichedelica ( o per alcuni punk) punteggiata spesso da alcol e hashish.
La storia del Cinema Universale è passata prima attraverso un libro di successo, quello di Matteo Poggi edito nel 2001 con Polistampa. Adesso è diventato un film di Federico Micali che cinque anni dopo Firenze Città Aperta (e altri fortunati lavori come Nunca Mais e 99 Amaranto) torna a documentare la sua città.
Ne nasce un viaggio in una storia del cinema molto particolare: quella che per almeno tre decenni ha caratterizzato l’identità di una città: dal cinema di quartiere degli anni 60, alla fase di contestazione politica intorno al ‘77 che intonava cori e slogan su "Sacco e Vanzetti" o "Fragole e Sangue", fino ai film cult degli anni 80 equamente divisi tra calcio, droga e musica, ma anche tra piccioni che volano in sala durante "Birdy", e una vespa che sfreccia sotto lo schermo.
Una storia raccontata dalla viva voce di quella molteplice umanità che ha frequentato quella sala, dai "ragazzi di san Frediano" e del Pignone eredi diretti dei personaggi di Pratolini, ad intellettuali, musicisti, politici giornalisti e artisti: tutti pronti a reinterpretare coralmente la storia di un cinema libero.

Sito Web: http://www.cinemauniversale.it

Ambientazione: Firenze

Periodo delle riprese: Aprile 2008 - Maggio 2008

"Cinema Universale d'Essai" è stato sostenuto da:
Toscana Film Commission
Provincia di Firenze
Comune di Firenze


Libro sul film "Cinema Universale d'Essai":
"Breve storia del cinema Universale"
di Matteo Poggi, 112 pp, Polistampa, 2003
Ricordi di fatti più o meno ameni, avvenuti in quel cinema, l'Universale, che si trovava a Firenze, in via Pisana, nel quartiere del Pignone. Nella "sala a posto unico", gli schiamazzi e le salaci battute erano di prammatica, con parole coniate in quel luogo singolare e che contaminarono parte delle generazioni fiorentine degli anni '60-'70. La raccolta dei rospi ai Falciani e la loro immissione nella sala, può farci immaginare quale finimondo sollevassero. All'Universale lo spettacolo lo faceva il pubblico, e l'Autore sottolinea come con la chiusura del cinema il 30 dicembre 1989 si sia chiusa una pagina di storia cinematografica di Firenze. Presentazione di Marino Biondi.
prezzo di copertina: 8,00


Note:
Ricerca d’archivio a cura di Matteo Poggi.
Animazioni di Giacomo Salizzoni e Francesco Alessandra.


Video


Foto